"Dammi la casa, sono dei Casamonica": 46enne a giudizio per tentata estorsione

L’imputato voleva appropriarsi di un’abitazione della quale rivendicava la proprietà. I fatti sono avvenuti a Campodimele

Per farsi consegnare una casa ha minacciato il legittimo proprietario qualificandosi con un esponente della famiglia Casamonica. Così un 47enne di Campodimele è stato rinviato a giudizio per tentata estorsione e dovrà comparire davanti al giudice monocratico del Tribunale di Latina l’8 maggio prossimo.

I fatti sono avvenuti a Campodimele l’11 febbraio dello scorso anno quando l’imputato si sarebbe presentato presso l’abitazione della vittima rivendicandone la proprietà e cercando di costringerla ad andarsene. Per portare a termine il suo piano ed ottenere l'immobile ha millantato una vicinanza con la famiglia criminale dei Casamonica ma il proprietario dell’abitazione non si è fatto intimidire e ha deciso di presentare una denuncia. Questa mattina si è tenuta l’udienza preliminare davanti al gup del Tribunale Mario La Rosa che a conclusione della camera di consiglio ha disposto il processo per l’imputato che sarà chiamato a rispondere di tentata estorsione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento