rotate-mobile
Cronaca

Metro Bugia scrive al ministero: “Perché i lavori vanno avanti?”

Il comitato latinense critica l'operato del tavolo tecnico comunale sul progetto della metropolitana di superficie: "Siamo pronti a rivolgerci nuovamente alla Corte dei Conti"

Il comitato Metro Bugia torna a sollevare obiezioni sul progetto della metropolitana di superficie da realizzare a Latina, un’opera su cui si sono spenti i riflettori dopo le diverse critiche sollevate dallo stesso gruppo civico cittadino e, in Consiglio comunale, dall’opposizione. Ma il progetto va avanti, come sottolinea Massimo De Simone, presidente di Metro Bugia: “Sappiamo che la realizzazione dei vagoni è andata avanti, come del resto si sono avvicendati gli stati di avanzamento lavori e i relativi certificati di pagamento”.

Il comitato critica l’operato del tavolo tecnico comunale a cui è stato sottoposto il progetto. “A distanza di mesi la commissione si è rivelata poco tecnica e molto politica -afferma in una nota De Simone - non fosse altro che tutti i membri sono stati incaricati dagli stessi partiti comunali, e, nonostante il comprovato valore di alcuni componenti, è stata fin’ora praticamente inesistente”.

“Noi del comitato non siamo partiti prevenuti - prosegue il presidente di Metro Bugia - ma abbiamo aspettato speranzosi per mesi un qualcosa che all’evidenza non c’è stato. In più, sembra che la commissione abbia avuto modo di riunirsi una sola volta”.

Il comitato chiede allora di sapere come proceda l’iter del progetto, sul quale l’aggregazione civica contraria alla realizzazione della metro leggera ha predisposto un documento che evidenzia “lo stato in cui versa l’opera in relazione alla note problematiche circa la insostenibilità economica, alla ipotesi di nullità contrattuale, alle recenti operazioni di orientamento politico amministrativo del Comune di Latina, nonché alle risultanze degli stato avanzamento lavori e relativi pagamenti ad oggi conosciuti”.

Il dossier di Metro Bugia è stato inviato ieri al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti “con specifici quesiti per le valutazioni di competenza che il caso richiede”. “Ci riserviamo, qualora ne rintracciassimo la necessità - avverte De Simone - di rivolgerci nuovamente alla Corte dei Conti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metro Bugia scrive al ministero: “Perché i lavori vanno avanti?”

LatinaToday è in caricamento