Riqualificazione urbana, quartiere Toscanini premiato alla Biennale di Venezia

Il concorso di idee indetto dal ministero per i Beni e le Attività culturali, ha visto la partecipazione di 140 Comuni e, unico nel centro Italia, è stato selezionato il progetto riguardante una zona della città di Aprilia

La città di Aprilia è stata protagonista del dibattito sulla riqualificazione urbanistica di aree urbane periferiche alla Biennale di Venezia, presso Sala delle Colonne in Ca’ Giustinian.

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Consiglio Nazionale degli Architetti hanno indetto un concorso di idee per selezionare dieci idee progettuali in Italia, individuate in altrettante zone pubbliche e strutture edilizie esistenti che necessitano di interventi di riqualificazione, rifunzionalizzazione e riuso con finalità di interesse pubblico, con lo scopo ulteriore di promuovere il talento di giovani professionisti del settore.

Il concorso di idee ha visto la partecipazione di 140 Comuni (58 del sud, 35 del centro e 47 del nord Italia) e, unico nel centro Italia, è stato selezionato il progetto riguardante la riqualificazione del quartiere Toscanini, nel comparto tra l’area verde di via Francia e il lotto in stato di degrado antistante la Chiesa dello Spirito Santo.

A Venezia è stato annunciato il team vincitore del concorso di idee, il cui capogruppo e primo progettista è l’architetto Margherita Manfra.

“Il progetto – si legge nelle motivazioni – esprime meglio la filosofia del concorso, proponendo una soluzione architettonica che, previa l’analisi del contesto socio-politico e territoriale, concentra le energie economiche nell’area di maggiore utilizzo, adiacente alle residenze esistenti e risolvendo pragmaticamente il tema della percezione di sicurezza e del degrado”.

Il team vincitore viene premiato con la somma di diecimila euro, mentre il progetto viene ceduto gratuitamente al Comune di Aprilia (ente pubblico interessato) affinché proceda alle successive fasi di progettazione e realizzazione degli interventi.

Alla Biennale di Venezia, in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale, è intervenuto il sindaco di Aprilia Antonio Terra. Presenti anche i rappresentanti dell’Ordine degli Architetti della provincia di Latina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Protagonista dell’importante concorso nazionale – ha commentato il sindaco Antonio Terra – è un progetto ancora irrealizzato della città di Aprilia, in un quartiere che per certi versi vive anche momenti difficili. Proprio per questo, ci fa piacere questo confronto per trovare una soluzione diversa, un’idea originale che caratterizzi e connoti quest’area quale punto sociale e di aggregazione. In passato in quel lotto di terreno era stata progettata una piazza di due livelli e con un’area mercato, ma tutto questo non è stato realizzato per i noti motivi. Ben venga quindi l’idea vincitrice di questo concorso, che si inserisce nel percorso di rigenerazione di quel quartiere dove l’amministrazione già ha mosso passi significativi, con la nuova scuola e la sistemazione del parco giochi. Si tratta di progetti edificanti per i circa cinquemila residenti del quartiere. Proprio a loro ci rivolgeremo: l’amministrazione promuoverà in assemblea un incontro tra progettisti e cittadini per discutere insieme questo progetto, per verificare direttamente quali saranno le soluzioni migliori per far rinascere l’area interessata e sicuramente per raccogliere proposte e suggerimenti. La riurbanizzazione non è decisa e calata dall’alto, ma è condivisa e quindi più funzionale e rispondente alle reali necessità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Operazione Dirty Glass: chi è Natan Altomare, "soggetto scaltro e pericoloso"

  • “Spregiudicato e di grande caratura criminale”: ecco chi è Luciano Iannotta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento