Cronaca

“L’Italia si ferma”, anche Latina in protesta: primi presidi in provincia

La protesta che vede i cittadini al fianco di forconi e tir prende corpo anche in terra pontina. Primi presidi sono nati a Sezze e in piazza del Popolo a Latina, ma anche a Borgo Piave, sulla Pontina e a Terracina

Prende corpo anche a Latina la grande manifestazione organizzata per la giornata di oggi, lunedì 9 dicembre, e che vede scendere in piazza fianco a fianco semplici cittadini, i forconi insieme agli autotrasportatori. Seguendo lo slogan “L’Italia si ferma” da ieri sera sono nati un po’ in tutta Italia presidi per protestare contro l’attuale classe politica e l’attuale Governo che sta mettendo in ginocchio l’Italia.

Guidata da Danilo Calvani, coordinatore nazionale per la manifestazione del 9 dicembre, e da tutti gli altri organizzatori a livello provinciale, anche Latina comincia a muoversi e i primi sit in stanno nascendo in diversi punti strategici della provincia. Il primo a Sezze, sulla Monti Lepini all’altezza della rotonda per lo scalo dove tir e camionisti sono in presidio già da ieri sera; questa mattina qualche disagio al traffico.

Di seguito anche quello di piazza del Popolo che, avviato un po’ a rilento, nel corso della mattinata ha visto aumentare l’affluenza dei manifestanti.

Altri presidi sono sorti poi a Terracina, sulla Pontina e a Borgo Piave. “Abbiamo riscontrato una grande adesione dei cittadini pontini – ha spiegato Danilo Calvani tracciando un primo bilancio di queste ore di manifestazione -. La gente ci sta seguendo, presidi spontanei sono sorti un po’ in diverse zone della provincia, alcuni sono stati smontati perché non autorizzati, per altri siamo invece riusciti ad ottenere i permessi.

Quello che dobbiamo registrare comunque è una grande partecipazione da parte delle persone che stanche ed esasperate hanno deciso di scendere in piazza e manifestare”.

Situazione al momento tranquilla in provincia dunque, come del resto aveva annunciato anche lo stesso Calvani alla vigilia precisando che la protesta sarebbe stata condotta in maniera pacifica e senza violenta assicurando che non ci sarebbero stati blocchi stradali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“L’Italia si ferma”, anche Latina in protesta: primi presidi in provincia

LatinaToday è in caricamento