"No ai migranti, sì ai nostri figli", vetri rotti alla scuola che ospiterà i senza tetto

Ignoti infrangono i vetri dell'ex edificio scolastico di via Milazzo che sarà destinato a dormitorio. L'intervento dei carabinieri che hanno trovato anche uno striscione e sono sulle tracce dei responsabili del danneggiamento

Non solo un'azione di protesta ma un danneggiamento quello compiuto ieri pomeriggio nell'ex edificio scolastico che ospitava una scuola materna e che ora sarà destinato a dormitorio per i senza tetto.

Della struttura si è parlato molto in questi ultimi giorni: in un primo momento si era ipotizzato che potesse essere destinata ad accogliere parte dei 500 migranti che arriveranno a breve a Latina ma in queste ore si è fatta chiarezza sull'utilizzo. L'ex scuola, infatti, dovrebbe essere adibita a dormitorio e accogliere i senza tetto nei mesi più freddi.

Alcune persone avevano già fatto sentire il loro disaccordo rispetto a quanto era emerso in un primo momento e ieri pomeriggio qualcuno è passato all'azione. Ignoti, infatti, hanno infranto alcuni vetri dell'edificio ubicato in via Milazzo e sulla ringhera perimetrale dello stabile hanno apposto uno striscione riportante la frase "No ai migranti, sì ai nostri figli".

Molti dei residenti, infatti, chiedono che la struttura torni alla destinazione iniziale, ovvero quella scolastica.

Sull'episodio i carabinieri stanno lavorando per individuare i responsabiliche rischiano una denuncia per danneggiamento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento