rotate-mobile
Cronaca

La Provincia, l’incontro con il prefetto. Poi di nuovo in piazza

Durante il vertice tra i lavoratori del quotidiano pontino e il prefetto Zarilli, a cui l'editore non si è presentato, è emersa la preoccupazione per la testata nel suo complesso. Martedì nuova protesta a Veroli

Ha ascoltato con attenzione e grande senso di responsabilità la difficile vicenda che ormai da quasi un anno sta interessando giornalisti e poligrafici del quotidiano La Provincia di Latina, impegnandosi a fare tutto il possibile per la soluzione della vertenza che appare comunque difficile e piena di ostacoli.

Una delegazione dei lavoratori, insieme ai segretari della Slc Cgil di Latina e Frosinone e all’associazione Stampa Romana, è stata ricevuta nel pomeriggio di ieri dal prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli. Assente invece la controparte aziendale che, nonostante l'invito, ha deciso di non presentarsi.

“Durante il vertice è emersa la preoccupazione per la testata nel suo complesso – spiega il Comitato di Redazione -. Un Gruppo editoriale che finora non è stato in grado di presentare un piano di rilancio credibile e incapace di definire il percorso futuro non solo per il personale di Latina - le cui sorti sono state già state segnate dalla chiusura della redazione - ma anche per il personale di Frosinone che vanta comunque diverse mensilità arretrate a fronte di un orizzonte ugualmente incerto e poco chiaro”.

Al termine dell’incontro il Prefetto si è reso disponibile ad un nuovo confronto dimostrando interesse a tenersi aggiornata rispetto a ulteriori sviluppi. Intanto il personale di Latina ha già organizzato una nuova protesta: martedì prossimo i lavoratori - in assemblea permanente dal 9 gennaio scorso a Frosinone dopo la decisione della società di sospendere le pubblicazioni di Latina e la “chiusura” della sede sulla Monti Lepinisaranno a Veroli, tra i banchi del mercato settimanale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Provincia, l’incontro con il prefetto. Poi di nuovo in piazza

LatinaToday è in caricamento