Cronaca Centro / Corso Giacomo Matteotti

Rapina alla Banca Etruria, preso il “palo”: arrestato un 35enne

Il colpo a segno l'11 giugno scorso; in manette il giovane che faceva il palo all'ingresso dell'istituto di credito. Ricercato il complice che, armato di pistola, aveva fatto irruzione nella banca

Il colpo era stato messo a segno presso la Banca Etruria di corso Matteotti lo scorso 11 giugno; a distanza di poco meno di due mesi è stato arrestato C. D. L., un pluri pregiudicato di 35 anni accusato di rapina e porto di arma comune da sparo.

Stamattina, infatti, gli uomini della squadra mobile hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale di Latina su richiesta del sostituto procuratore, la dottoressa Monsurrò.

Ad agire l’11 giugno scorso era stato un uomo armato di pistola e con il volto coperto, mentre un altro uomo, con il volto parzialmente travisato da un casco, faceva da palo dinanzi l’ingresso della banca. Il primo, dopo essersi impossessato del denaro – un bottino di circa 4mial euro – era fuggito insieme al complice a bordo di un’auto in direzione di via Carlo Pisacane.

Grazie alle immagini del circuito di video sorveglianza dell’istituto di credito, gli uomini della mobile sono arrivati al 35enne, già noto per altre rapine portate a segno con lo stesso modus operandi e che per le caratteristiche fisico-somatiche poteva essere il palo rimasto davanti l’ingresso della filiale di corso Matteotti.

Ulteriori indizi a carico del giovane sono poi stati forniti dai dati incrociati acquisiti dal tabulato telefonico con cui gli agenti hanno scoperto che, inoltre, poteva essere presente nei pressi del luogo della rapina al momento del colpo, e dalle dichiarazioni di alcuni testimoni che lo hanno riconosciuto nella foto segnaletica

Sulla base dei gravi indizi raccolti, Il Gip del Tribunale di Latina De Robbio, su richiesta del Sostituto Procuratore dr.ssa Monsurrò, ha emesso l’ordinanza eseguita nella mattinata odierna.

All’interno dell’abitazione del 35enne, poi, sono stati ritrovati altri 9.500 euro in contanti, probabile provento di ulteriori rapine sulle quali sono in corso gli accertamenti. Intanto proseguono le indagini sul conto di alcuni soggetti vicini al giovane, nei confronti dei quali la Squadra Mobile sta stringendo il cerchio nella certezza di individuare il complice armato di pistola.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina alla Banca Etruria, preso il “palo”: arrestato un 35enne

LatinaToday è in caricamento