rotate-mobile
Cronaca Via Appia chilometro 70, 00

Rapina al distributore, fuori pericolo i feriti. Nardone confessa

La soddisfazione dei vicequestori Tatarelli e Dian: "Gli arresti di ieri sono il risultato di un intelligente controllo del territorio svolto in sinergia tra squadra Mobile e Volante"

Si sono divisi per far perdere le loro tracce, ma la fuga dopo la rapina è durata molto poco. Giusto il tempo servito alla squadra Mobile e alla squadra Volante della Questura per coordinare le ricerche e arrivare nel giro di poche ore a individuare i due autori della violenta rapina messa a segno ieri pomeriggio sull’Appia, all’altezza di Tor Tre Ponti, presso un distributore di carburante della Fiamma 2000. Fondamentali sono state le testimonianze raccolte sul luogo della sparatoria e la visione delle immagini - malgrado il volto dei malviventi fosse travisato - del circuito di sorveglianza della stazione di servizio.

Rapina con sparatoria al distributore, gli arresti

Ieri pomeriggio gli agenti della Questura, dopo aver raccolto gli elementi utili a ricostruire l’identità dei due pregiudicati che avevano appena realizzato la rapina, hanno cominciato a battere a tappeto le zone di residenza dei sospettati. Il primo, Carlo Peluso, 31 anni, stava cercando rifugio presso l’abitazione di un parente ed è stato arrestato in via Helsinki. Il coetaneo Daniele Nardone era invece rientrato a casa sua, a Campo Boario, e aveva con sé la pistola da cui sono partiti i sei proiettili sparati all’impazzata contro i dipendenti della stazione di servizio. I due sono stati già interrogati: Nardone ha ammesso di aver preso parte alla rapina, mentre Peluso ha respinto le accuse.

L’operazione di ieri - hanno affermato i vicequestori Cristiano Tatarelli e Walter Dian - è il risultato di un intelligente controllo del territorio svolto in sinergia tra squadra Mobile e Volante”. I dirigenti dei due reparti della polizia hanno spiegato che i due arrestati sarebbero dediti alle rapine. Gli episodi sarebbero poi legati al consumo di droga. E ammonta a 800 euro il bottino che i due sono riusciti a prelevare nella sanguinosa rapina di ieri.

Colpo al distributore, la sequenza della violenta rapina

Stanno meglio i due dipendenti della stazione di rifornimento che sono rimasti feriti durante la sparatoria. È fuori pericolo Pawlo Lomakin, il 25enne ucraino trapassato da un proiettile all'addome: resta in progonosi riservata dopo la riuscita operazione a cui è stato sottoposto, ma non è in pericolo di vita. Ne avrà per venti giorni, invece, Vitali Korteyk, 35 anni, ferito alla coscia sinistra.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina al distributore, fuori pericolo i feriti. Nardone confessa

LatinaToday è in caricamento