rotate-mobile
Cronaca Cisterna di Latina / Via Eccidio di Marzabotto

Cisterna, rapina armata all’Internet Point: arrestati 4 giovanissimi

In manette tre 18enni e un minore, rintracciati grazie alla targa dell'auto usata per il colpo. Pistola in mano hanno minacciato il titolare dell'attività e sono fuggiti con 4mila euro. Presi poco dopo il colpo

Quattro giovani – tre 18enni e un minore – sono finiti in manette ieri sera a Cisterna con l’accusa di rapina aggravata in concorso. Quattro arresti lampo arrivati al termine di una brillante operazione condotta dagli agenti del locale commissariato.

Erano intorno alle 20 di ieri sera quando la polizia è stata allertata per un colpo messo a segno nell’Internet Point di  via Eccidio di Marzabotto; secondo quanto ricostruito dagli agenti che hanno raccolto le dichiarazioni del titolare, i giovani, con il volto travisato e uno armato di pistola, hanno fatto irruzione nell’attività e dopo aver minacciato l’uomo puntandogli l’arma alla tempia, hanno preso dal retro del bancone una cassettina contenente circa 4mila euro, per poi allontanarsi a bordo di una Fiat Punto bianca.

Lo stesso titolare è riuscito a vedere parte della targa dell’auto, particolare che ha permesso alla polizia di identificare l’intestataria. Giunti a casa della donna hanno ritrovato la vettura ancora con il motore caldo, scoprendo che era stata da poco usata dal figlio e da un amico, entrambi di 18 anni e residenti a Cisterna.

Rintracciati i due ragazzi sono apparsi subito insicuri e titubanti davanti alle domande degli agenti che li hanno accompagnati presso il commissariato dove uno dei due, alla presenza del suo avvocato, ha confessato la rapina commessa insieme all’amico fermato e fornito anche i nomi degli altri due complici rintracciati poco dopo: si tratta di un altro ragazzo di 18 anni sempre residente a Cisterna e un minore di 17 anni che poco dopo ha confessato il colpo.

Gli accertamenti eseguiti dalla polizia dopo le confessioni attraverso le perquisizioni domiciliari hanno permesso di recuperare parte del denaro rubato, gli indumenti e i passamontagna usati per il colpo, mentre sono ancora in corso le ricerche per trovare l’arma.
Dopo le formalità di rito, i tre maggiorenni sono stati trasferiti presso la casa circondariale di via Aspromonte a Latina, mentre il minore presso la struttura di Casal di Marmo a Roma, tutti a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cisterna, rapina armata all’Internet Point: arrestati 4 giovanissimi

LatinaToday è in caricamento