Sequestrati passamontagna e armi, colpo sventato dalla polizia

I due uomini intercettati in via Bruxelles, in auto nascondevano anche una replica di una pistola, una roncola, coltelli da macellaio e taglierini

Il materiale sequetsrato dalla polizia

Tutto lascia pensare che fossero pronti a mettere a segno una rapina. Nel pomeriggio di ieri, gli agenti delle volanti, impegnate per un servizio di controllo del territorio, insospettiti da un’auto ferma con il motore acceso nei pressi di via Bruxelles con a bordo due uomini, uno dei quali già noto alle forze dell’ordine, hanno deciso di fermarsi per fare togliersi qualsiasi dubbio.

Una volta fermati i due, che hanno ancor di più attirato l’attenzione con il loro fare preoccupato, i poliziotti hanno proseguito i controlli con una perquisizione personale e veicolare del mezzo.

All’interno della vettura, nascosta sotto il sedile destro c'era una replica di una pistola a tamburo di color argento, molto simile ad un vero revolver; insieme all’arma sono stati trovati poi un passamontagna, una roncola e diversi coltelli da macellaio, taglierini nonché una serie di cacciaviti utili allo scasso.

Il materiale scoperto farebbe pensare, secondo la polizia, che i due fossero pronti a mettere a segno una rapina, probabilmente a danno di qualche cittadino nella zona dove i due sono stati intercettati

“Indagini sono in corso per verificare se recentemente siano stati denunciati episodi di rapina o minaccia con una pistola dalle fattezze simili a quella sequestrata” hanno spiegato dalla Questura, mentre intanto è stato denunciato il proprietario del veicolo, per porto abusivo di strumenti atti ad offendere ed armi modificate per apparire vere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

Torna su
LatinaToday è in caricamento