Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Assalto al portavalori in Q4, confronto tra rapinatori e guardia giurata

Incidente probatorio in carcere per Andrea Ciufo e Cristian De Lucia, ritenuti gli autori del tentato colpo

Incidente probatorio ieri in carcere per Andrea Ciufo e Cristian De Lucia, ritenuti gli autori dell’assalto armato al furgone portavalori messo a segno il 20 luglio scorso in viale Paganini nel quartiere Q4.

I due banditi avevano bloccato il furgone della Coop Service nel parcheggio del centro Lestrella, poi ne era nato uno scontro durante il quale era  stato esploso un colpo di pistola, c’era stata una colluttazione tra una guardia giurata del mezzo blindato e i due banditi ed erano partiti altri colpi  esplosi probabilmente dai rapinatori che erano riusciti ad afferrare l’arma del vigilante. Quest’ultimo aveva reagito sparando e ferendo De Lucia ad un braccio, circostanza che aveva indotto i rapinatori a fuggire su un motorino rubato. De Lucia era stato portato all’Icot e i medici avevano avvisato le forze dell’ordine. Poi, a distanza di alcune settimane,  grazie alle telecamere e ad altri elementi era stato identificato anche il secondo uomo, Andrea Ciufo.

Ieri in carcere, su richiesta del pm Valerio De Luca, si è svolto l’incidente probatorio durante il quale Ciufo, difeso da Alessia Vita e Leonardo Vernillo, e De Lucia, assistito dall’avvocato Leonardo Palombi, sono stati messi a confronto con la guardia giurata parte offesa nel procedimento e con una testimone che era lì quella mattina. Quest’ultima non ha riconosciuto Ciufo mentre la guardia giurata lo ha identificato come uno dei rapinatori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assalto al portavalori in Q4, confronto tra rapinatori e guardia giurata

LatinaToday è in caricamento