Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Recupero ticket sanitari, l'intertvento della Confconsumatori

L'intervento di Confconsumatori Latina che chiede chiarimenti e precisazioni alla Regione in seguito alle tante segnalazioni da parte dei cittadini: "Numerosi sono i disguidi che si stanno verificando"

Sono state inviate nel mese di novembre dalla Regione Lazio circa 235mila lettere di avvisi bonari per il recupero dei ticket sanitari evasi e relativi agli anni 2009 e 2010. E’ stato precisato anche che nello svolgimento di tale operazione sarebbe previsto un eventuale margine di errore del 3% degli accertamenti, per i quali è possibile quindi procedere ad annullamento in autotutela.

A fronte all'invio degli avvisi, e alla confusione che ne è seguita, ora interviene la Confconsumatori di Latina che "a seguito delle numerosissime segnalazioni che ci sono pervenute in questi giorni - spiega in una nota -, possiamo affermare che l’operazione messa in atto dalla Regione Lazio ha generato il caos più totale. Probabilmente non è stato adeguatamente valutato e ponderato l’impatto di tale operazione sulla utenza e sulla gestione delle problematiche che inevitabilmente una operazione massiva di questo genere pone in atto.

Numerosi sono i disguidi che si stanno verificando - prosegue la nota - e pertanto chiediamo pubblicamente al presidente della Regione Lazio Zingaretti di prendere una posizione chiara e precisa in merito alle seguenti disfunzioni che sono sotto gli occhi di tutti:

1.    Non è stato predisposto un servizio di call center adeguato. Infatti è assolutamente impossibile chiamare il numero dedicato che risulta sempre essere irraggiungibile. Una operazione di questa portata avrebbe richiesto maggiori risorse umane dedicate a far fronte alle numerosissime e legittime richieste di chiarimento.
2.    Le lettere non riportano chiare indicazioni in merito alle prestazioni sanitarie e ai farmaci per i quali non si sarebbe pagato il relativo ticket. Non esistono argomentazione di tutela della privacy che possano giustificare queste carenze informative. Infatti le lettere inviate sono delle raccomandate recapitate al diretto interessato e quindi potevano essere inserite tranquillamente tutte le notizie necessarie.
3.    Si è confermata la esistenza di cittadini di serie B. La Regione ha ritenuto opportuno di predisporre un ufficio fisico per ricevere informazioni posizionato solo a Roma, dimenticando che esistono realtà della nostra regione che sono poste a circa 200 km dal capoluogo. 
4.    Sono state recapitate lettere a soggetti minorenni. Non è possibile pensare di indirizzare atti formali a valore legale a soggetti minorenni e non invece agli esercenti la potestà genitoriale.
5.    Sono stati duplicati e anche triplicati gli accertamenti con maggiorazione di costi di recupero. Infatti sono stati recapitati a singoli soggetti e per lo stesso anno più accertamenti con l’applicazione di € 25.00 ciascuno a discapito del singolo utente.
6.    Si è deciso di non predisporre una procedura di rateizzazione. Non è possibile escludere aprioristicamente la possibilità di rateizzazione in tempi di crisi e difficoltà economiche come quelli che stiamo vivendo.
7.    Si è deciso di agire solo dopo 7 anni. La decisione di non procedere ad accertamenti in tempi congrui è sicuramente poco felice. Effettuare controlli in tempi adeguati rientra negli obblighi di efficacia e trasparenza della amministrazione pubblica. Decidere di tollerare situazioni di illegalità senza procedere a controlli ravvicinati equivale ad avallare l’illegalità diffusa e far si che il cittadino perda anche la percezione del disvalore sociale dell’azione illecita".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recupero ticket sanitari, l'intertvento della Confconsumatori

LatinaToday è in caricamento