Cronaca

Riccardo, mente informatica: Patente Europea del Computer a soli 7 anni

È il più giovane d'Italia ad aver conseguito il titolo. Il prodigio pontino ha iniziato le lezioni quando non aveva ancora cominciato le scuole elementari e ha sostenuto l'esame a 7 anni

Ieri, sabato 26 maggio, presso l’Enadil (ente di formazione di Latina) il piccolo Riccardo Vellucci, classe 2005, ha ritirato l’attestato per il conseguimento della Patente Europea del Computer, l’ Ecdl.

Riccardo è il più giovane in Italia, e molto probabilmente anche in Europa, ad aver conseguito questo titolo. Ha cominciato le lezioni lo scorso luglio quando ancora non aveva iniziato a frequentare la prima elementare e ha sostenuto l’ultimo esame lo scorso marzo a 7 anni appena compiuti.

La Patente del computer è una certificazione informatica che permette di attestare la conoscenza dei principali programmi come Word, Excell, Access, Power Point.

Riccardo ha una vera passione per il computer e gli riesce molto naturale destreggiarsi tra i vari programmi che spesso mettono in difficoltà molti adulti. I genitori affermano che nessuno in famiglia ha una particolare passione per l’informatica e che in Riccardo si è manifestata spontaneamente già intorno ai 4 anni.

Il suo insegnante, Salvatore Piraino, ha confessato “Quando ci siamo incontrati la prima volta ero molto perplesso: pensavo che non sarebbe stato in grado di seguire le lezioni ma, dato che ci teneva molto, abbiamo pensato di vedere come andavano le prime e poi decidere se continuare. Ci ha sorpreso tutti: non solo seguiva con attenzione, ma in pochissimo tempo è diventato il più bravo della classe”.

L’Enadil (con sede a Latina presso il centro commerciale Latinafiori torre 5 gigli) propone l’Ecdl (European computer driving license) dal 1998, e non era mai capitato un alunno così giovane: l’età media dei partecipanti di solito è dai 20 anni su. La responsabile didattica, Lorena Piraino, afferma “Per noi avere avuto Riccardo tra i nostri corsisti è un grande onore e una grande soddisfazione, e la stessa Aica (Ente gestore della patente del computer per l’Italia n.d.r.) vuole premiare Riccardo in maniera ufficiale e invitarlo a continuare con l’Ecdl Advanced.” (livello di formazione successivo n.d.r.).

Infatti a breve dei rappresentanti di Aica verranno da Milano per premiare il nostro giovane genio dell’informatica. La notizia ha destato una certa attenzione e molte testate giornalistiche hanno voluto incontrare Riccardo che nonostante l’emozione è stato bravissimo a spiegarsi davanti alle telecamere.

Il piccolo prodigio pontino non è però un maniaco dei pc: ci ha raccontato che, sebbene abbia imparato a leggere da poco, ama la lettura, va in piscina e ha tanti amici. Quindi non ha mai passato giornate intere a studiare davanti al pc, quando si dice che la classe non è acqua.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riccardo, mente informatica: Patente Europea del Computer a soli 7 anni

LatinaToday è in caricamento