rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca Cori

Auto rubate, clonate e rivendute in Africa: il ricettatore preso a Cori

L'operazione condotta dalla polizia tedesca e dal commissariato di Cisterna. Il blitz scattato dopo la localizzazione di una Golf rubata a un noleggiatore in Germania

E' stato individuato a Cori il terminale di un'attività illecita di import-export di auto nel corso di un'attività di indagine condotta in sinergia tra il commissariato di polizia di Cisterna e il Polizei Praesidium di Bonn della polizia tedesca. Il ricettatore è un 30enne corese, di origini maghrebine, già noto alle forze del'ordine, che si occupava di acquisire potenti auto che venivano poi "lavorate" e clonate attraverso targhe, documenti e matricole contraffate.

Le vetture raggiungeva i porti toscani, liguri e francesi per essere destinate al mercato automobilistico del Nord Africa. A Cori la polizia tedesca è arrivata grazie alla localizzazione di un'auto, una potente e nuovissima Golf Gti, che era stata sottratta a un noleggiatore tedesco. Nel corso dell'attività è stato effettuato un appostamento che ha consentito di individuare il ricettatore che, dopo diversi passaggi in zona, è salito a bordo del veicolo tentando di dileguarsi. 

I pliziotti hanno bloccato l'uomo e poi proceduto al sequestro del viecolo che è stato successivamente restituito a un funzionario della società tedesca di noleggia che era intanto arrivato in Italia. L'attività di acquisizione delle auto, clonazione e poi vendita era possibile grazie a una rete di "corrieri" di Cisterna e di Aprilia, più volte sorpresi dalla polizia italiana e da quella francese in procinto di imbarcare le auto dai porti di Marsiglia e Livorno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auto rubate, clonate e rivendute in Africa: il ricettatore preso a Cori

LatinaToday è in caricamento