rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Auto rubate a Roma e poi smontate: blitz dei carabinieri. Nei guai anche un pontino

Denunciato, insieme ad altri due, un 50enne della provincia di Latina. Due gli arrestati: devono rispondere di riciclaggio e ricettazione di auto. L'attività dei militari di Capena

Auto rubate e poi smontate: è coinvolto anche un pontino nell’operazione di carabinieri a Capena che ha portato all’arresto di due persone e alla denuncia di altre tre. L’attività è dei militari della locale stazione che oggi, 5 aprile, hanno arrestato due cittadini stranieri, un 32enne originario del Marocco e un 42enne della Nigeria, con le accuse di riciclaggio e ricettazione di autovetture. Tra i tre denunciati, per gli stessi reati e perché considerati coinvolti nelle attività di ricerca e del furto delle autovetture che poi venivano smontate, anche un 50enne della provincia di Latina. 

Insospettiti da un continuo andirivieni, in orari insoliti, di autovetture da un terreno agricolo di via Le Cese, i carabinieri, dopo un attento servizio di osservazione, hanno deciso di eseguire un controllo dell'area. All'interno del terreno, come si legge su RomaToday, c’erano i due cittadini stranieri intenti a smontare e tagliare una Ford C-Max, risultata rubata lo scorso 1° marzo a Roma. Nel corso della perquisizione trovate anche una Mini Cooper rubata a Monterotondo, ancora intatta, e un'altra Mini completamente smontata, rubata a Roma, lo scorso 28 marzo, nonché la carcassa con le relative targhe di una Renault Talisman, rubata sempre nella capitale il 7 marzo. 

Non solo, ma nel capannone sono stati trovati 9 motori completi di autovetture, 5 telecomandi per l'apertura di veicoli, 100 assi di vari veicoli, 50 pneumatici di diverse marche, 50 batterie e 50 centraline, nonché, disseminate sul terreno innumerevoli parti di carrozzerie e parti meccaniche, il tutto presumibilmente di provenienza illecita.

Tutta l'area, i veicoli e i vari pezzi, che sarebbero stati posti in commercio nel mercato nero dei ricambi, sono stati sequestrati dai carabinieri. Il 50enne della provincia di Latina denunciato dai carabinieri all’Autorità Giudiziaria di Ticoli, risulta essere il proprietario del terreno. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auto rubate a Roma e poi smontate: blitz dei carabinieri. Nei guai anche un pontino

LatinaToday è in caricamento