Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Borgo Montello

Discarica e rifiuti, 150mila euro in bilancio per coprire esenzioni Tia

Accordo tra maggiornaza e opposizione sulla strada da seguire per garantire le agevolazioni economiche ai residenti che vivono nel raggio di due chilometri dalla discarica di Montello

Accordo tra maggiornaza e opposizione all'interno del Consiglio comunale che ora ha impegnato l’amministrazione ad inserire nel bilancio 150 mila euro per l’esenzione dalla Tia per i cittadini che vivono a 2 chilometri dalla discarica di Borgo Montello.

Soddisfatto il Partito Democratico che si era fatto portavoce dell’annosa problema - che, pare, sia stato risolto -, con la presentazione dell’emendamento, al punto all’ordine del giorno “Approvazione piano finanziario degli interventi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2012”, che portava la firma dei consiglieri Mattioli, Sarubbo e De Marchis.

“Si parla di somme che Equitalia pretende entro sessanta giorni dai cittadini che abitano nel raggio di due chilometri dalla discarica dei rifiuti di Borgo Montello – si legge in una nota del Pd -. Somme che il Comune si era impegnato a pagare alla Latina Ambiente per gli anni che vanno dal 2006 al 2008 per cui il regolamento prevedeva la riduzione del 50% della tariffa. Riduzione poi trasformata in esenzione”.

“A seguito nel nostro emendamento – commenta il consigliere comunale del Pd Fabrizio Mattioli – abbiamo trovato un accordo per poter inserire in bilancio le somme per l’indennizzo come contributo per il disagio sociale che la popolazione subisce”.

Nel nuovo ordine del giorno si dice chiaramente che nel bilancio 2012 sarà previsto un capitolo ad hoc. “Abbiamo portato a casa un importante risultato – dichiara il consigliere Omar Sarubbo – che va nel senso di indennizzare quelle popolazioni che da decenni sono sottoposte alla servitù della discarica e che per l’inerzia dell’amministrazione potevano subire l’ulteriore beffa del pagamento di tributi non dovuti”.

Dunque, 150mila euro per indennizzare i cittadini cui Equitalia chiede di pagare per somme che invece dovevano essere a carico del Comune.

“L’aver posto la questione in consiglio comunale con un emendamento – commenta il capogruppo Giorgio De Marchis - ha costretto la maggioranza a venire allo scoperto assumendo l’impegno di trovare i 150mila euro necessari a coprire la spesa. Ora ci impegneremo a seguire la vicenda da vicini per bloccare le cartelle Equitalia e per cercare la soluzione finanziaria nel prossimo bilancio di previsione mediante l’utilizzo dei 150mila euro”.

DAL COMUNE - "L’approvazione dell’ordine del giorno rende finalmente possibile la risoluzione di un problema che, a causa di errori commessi dalla passata amministrazione, avrebbe penalizzato ulteriormente un territorio che dopo la dannosa presenza della servitù della discarica rischiava di subire anche la beffa di dover pagare bollette ‘illegittime’" fanno sapere dal Comune con una nota.

"La proposta presentata dalla maggioranza e condivisa anche dall’opposizione, prevede l’inserimento nel bilancio di previsione di una somma non inferiore a 150mila euro, al fine di indennizzare le servitù subite".

“In questi mesi – affermano i capigruppo di maggioranza Calvi, Cirilli, Chiarato, Fuoco, Ripepi e Bracchi e l’intera maggioranza - attraverso gli uffici e la commissione bilancio presieduta dal presidente Chiarato, si è lavorato alacremente al fine di individuare una soluzione al danno dei cittadini residenti nella fascia verde che, a causa della negligenza e della disattenzione del passato, rischiava di non poter essere più recuperato".

"L’impegno preso con il territorio va mantenuto e la maggioranza che governa riteniamo abbia il dovere di individuare soluzioni per affermare atti di equità anche quando questi passano attraverso la ricerca di procedure che superano ostacoli legislativi. E’ ciò che è accaduto in questi mesi e che ha trovato compimento con gli atti previsti dall’ordine del giorno approvato oggi. Ciò che proponeva l’opposizione con una mozione al Pef era tecnicamente inattuabile e inefficace nella risoluzione del problema, se non mediaticamente".

"Il fatto che anche l’opposizione abbia condiviso il provvedimento ritirando la mozione, conferma che di fronte a tali questioni la contrapposizione politica
fine a se stessa non trova spazio
. Fin dal nostro insediamento come amministrazione abbiamo avuto come priorità assoluta la grande attenzione ai nostri cittadini e alle loro problematiche, anche il provvedimento approvato oggi lo dimostra pienamente”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discarica e rifiuti, 150mila euro in bilancio per coprire esenzioni Tia

LatinaToday è in caricamento