Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Borgo Montello

La denuncia dei Radicali: “Rifiuti non trattati a Borgo Montello”

Hanno preparati una documentazione che dimostra l'illegale situazione nello smaltimento dei rifiuti del Lazio, in cui sono riportate anche delle immagini scattate nella discarica del Montello. Pronto un esposto

Abbiamo una documentazione che prova una situazione gravissima e illegale per quanto riguarda lo smaltimento dei rifiuti nel Lazio, perché mostra come ancora in questi giorni vengano sversati in discarica rifiuti assolutamente non trattati in violazione della normativa europea e nazionale".

Ad affermarlo sono il consigliere radicale di Roma Capitale (eletto nella civica Marino) Riccardo Magi, il membro del comitato nazionale dei Radicali italiani Massimiliano Iervolino e il segretario dei Radicali Roma Paolo Izzo.

La loro documentazione sarà oggetto di un esposto alla Procura di Roma e a tutte le autorità competenti. I radicali hanno preparato in proposito un video, nel quale vengono riportate le normative a loro dire non rispettate e alcune immagini scattate il 7 ottobre scorso nei siti di Borgo Montello (Latina) e dell'Inviolata, presso Guidonia Montecelio (Roma).

"Nelle immagini -si sente nel video- appare in modo inequivocabile che vengono ancora conferiti rifiuti indifferenziati, non trattati o trattati in modo non sufficiente, in violazione della direttiva europea del 1999 e della legge italiana, e nonostante il deferimento dell'Italia alla Corte di giustizia europea".

"La documentazione - proseguono gli esponenti radicali - mostra come le rassicurazioni delle autorità competenti ai cittadini siano infondate. Il conferimento di rifiuti non trattati, come è noto, provoca percolato, odori nauseabondi, danni ambientali enormi e danni alla salute. Proprio per questa situazione del Lazio, e solo di Malagrotta, la Commissione europea ha deferito l'Italia alla Corte europea di giustizia. Da questa documentazione - concludono i radicali - trarremo un esposto alle Procure competenti e a tutti i soggetti istituzionali interessati (Regione, Arpa, Ministero dell'Ambiente, Carabinieri Noe, ecc) nonché ovviamente una comunicazione alla Commissione europea". (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La denuncia dei Radicali: “Rifiuti non trattati a Borgo Montello”

LatinaToday è in caricamento