Cronaca

Tares, le novità: si paga da ottobre e possibilità di rateizzare

Slittamento della tassa sui rifiuti ad ottobre e la rateizzazione in sei tranche bimestrali. Questo quanto approvato ieri dal Consiglio comunale

Consiglio comunale ricco quello di ieri a Latina;  la seduta ha infatti approvato il nuovo regolamento della biblioteca e due importanti provvedimenti in materia di urbanistica; sì anche alla mozione presentata dal consigliere del Pd Sarubbo in merito alla questione della Casa dello Studente.

Ma importanti novità sono state introdotte anche su fronte dei rifiuti, e in modo particolare per quanto riguarda la determinazione delle rate e le scadenze della Tares, il nuovo tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, tra cui lo slittamento dei pagamenti ad ottobre e la possibilità di rateizzare il sei tranche bimestrali.

Nel dettaglio, considerato che la normativa sulla Tares prevede che nell’anno 2013, anno di passaggio da Tia a Tares, è consentito all’ente comunale di fatturare ai cittadini una parte nella prima parte dell’anno come Tia e il resto a conguaglio una volta definita la Tares, l’amministrazione comunale ha deciso di evitare di fatturare ai cittadini una prima parte dell’anno come Tia e procedere direttamente alla fatturazione come Tares in tre rate: 16 ottobre, 16 novembre e 16 dicembre 2013.

In tal modo, commentano dal Comune di Latina, “è stata eliminata una fatturazione in più che avrebbe comportato, oltre a un esborso anticipato da parte dei cittadini, anche un costo inutile per l’amministrazione (circa 45mila euro) causato dalla emissione e spedizione delle bollette. Inoltre ci sarebbe stato un aggravio di lavoro per gli uffici comunali e disagi per i cittadini”.

Per il pagamento delle tre rate della Tares, inoltre, il Consiglio ha deciso che ognuna delle tre rate possa essere pagata dai cittadini in sei rate bimestrali, basterà farne richiesta agli uffici comunali senza dimostrare di essere in uno stato di indigenza.       

“La ferma e precisa volontà della maggioranza è stata quella di andare incontro alle esigenze delle nostre famiglie in un periodo di crisi così difficile – afferma il sindaco Giovanni Di Giorgi – Alla fine anche l’opposizione ha compreso la bontà del nostro sforzo in questa direzione e ha votato a favore del provvedimento approvato in Consiglio comunale. Questo consente di allentare la pressione sui cittadini e di consentire loro di poter meglio diluire i pagamenti attraverso l’eliminazione della rata di settembre, mese in cui le famiglie sostengono spese per la scuola o ancora alle prese con le spese estive, ma anche permettendo la rateizzazione per il 2014 in sei tranche bimestrali.

Da questo punto di vista, grazie al continuo lavoro di raccordo con gli uffici, con l’assessorato e con la commissione, stiamo dando priorità alle esigenze delle famiglie, cercando di gravare il meno possibile nei pagamenti delle tasse comunali. Ricordo anche che esiste un apposito fondo comunale per permette ai cittadini che non riescono  a pagare le tasse comunali, di qualsiasi genere, di poterle rateizzare in cinque anni ”.

“Il provvedimento approvato oggi – afferma Gianni Chiarato, presidente della Commissione Bilancio – rappresenta la conclusione di un iter avviato dalla commissione che presiedo, su specifico input di tutta la maggioranza, e poi recepito dagli uffici comunali. Con questo provvedimento abbiamo ottenuto tre risultati importanti: evitare costi inutili per l’ente con una bollettazione in più, evitare aggravi di lavoro e perdite di tempo per gli uffici e, soprattutto, dare la possibilità ai cittadini di diluire i pagamenti fino a sei rate bimestrali”.                                                                                      

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tares, le novità: si paga da ottobre e possibilità di rateizzare

LatinaToday è in caricamento