Rifiuti, Pd: "Con il nuovo Piano la nostra provincia può guadagnare l'autonomia"

Moscardelli e Giovannini plaudono al lavoro della Regione e sollecitano Virginia Raggi realizzi gli impianti per Roma non gravando più su Latina

Il Partito Democratico pontino plaude al nuovo Piano regionale del rifiuti approvato nei giorni scorsi dalla Giunta regionale del Lazio. “Esprimiamo piena soddisfazione – sottolineano il segretario provinciale Pd Claudio Moscardelli e il responsabile rifiuti Vincenzo Giovannini - per l’approvazione del Piano regionale rifiuti 2019/ 2025. Ora si avvia la parte osservativa di 60 giorni ai quali seguiranno i restanti 30 per la fase tecnica quindi si andrà in Consiglio regionale per l’approvazione finale. Un passo importantissimo quello fatto dalla Giunta regionale che conferma tutto ciò che prevedevano le linee guida dello stesso”.

Moscardelli e Giovannini si soffermano in particolare sull’importanza della suddivisione in ambiti ottimali provinciali che saranno 5 di cui uno specifico per Roma capitale, all’interno di ciascuno dei quali si dovrà chiudere l’intero ciclo dei rifiuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il piano prevede la valorizzazione massima del rifiuto – ricordano - e con una differenziata spinta si punterà al recupero totale riuscendo così a fare diventare lo stesso una risorsa. Avendo come obiettivo il proprio riuso totale non ci saranno più discariche e termovalorizzatori bensì impianti di lavorazione e trattamento finale dei rifiuti. E’ inoltre prevista la riconversione del termovalorizzatore di Colleferro che diventerà una stazione di recupero del rifiuto ad alta tecnologia.  La nostra provincia – proseguono gli esponenti del Pd - nel proprio documento di aggiornamento al piano regionale ha dimostrato di avere un surplus di impiantistica di trattamento di rifiuti con un  sbilanciamento nel nord della stessa. Quindi non ci resta che riequilibrare intervenendo con la riduzione degli  stessi e prevedendo anche impianti pubblici che ci permetteranno di ottimizzare le risorse da rinvestire nei territori uscendo così dalla morsa dei privati. Ora che il piano è chiaro ci aspettiamo dalla sindaca di Roma Virginia Raggi una accelerazione sulla realizzazione di impianti di trattamento nel proprio ambito liberando così gli altri territori dalla servitù di Roma che per colpa di un sindaco che non decide lasciando la capitale piena di rifiuti sulle strade e con una differenziata al di sotto della media regionale sta condizionando gli altri territori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus, ancora 124 contagi in provincia e un altro morto. Ottavo decesso in otto giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento