Cronaca

Rifiuti, differenziata spinta: presentato il piano in Commissione

Soddisfatto il consigliere del Pd De Marchis del piano che divide Latina in tre zone e introduce la tariffa puntuale al posto della Tares, che consentirà ai cittadini di pagare in base ai rifiuti realmente prodotti

Novità in tema di rifiuti in arrivo a Latina; questa mattina in Commissione Ambiente è stato presentato il piano per la raccolta differenziata spinta del Comune.
Sui rifiuti finalmente si cambia, anche e soprattutto dopo le proposte e i suggerimenti avanzati in questi mesi” commenta il consigliere del Pd Giorgio De Marchis spiegando che a marzo è stato affidato al Conai lo studio per la realizzazione del sistema porta a porta su tutto il territorio comunale e che lo stesso Conai ha individuato nella società Eureka il soggetto che dovrebbe accompagnare l’amministrazione comunale in questa nuova avventura.

“Si tratta di un riconoscimento importante di quanto abbiamo più volte sostenuto in questi mesi, infatti – ricorda il democratico - poco dopo la notizia dell’ennesimo aumento tariffario stabilito per il conferimento dei rifiuti negli impianti Tmb, indicammo la strada della raccolta differenziata spinta come l’unica percorribile per abbattere i costi della gestione dei rifiuti. Questo percorso e questi dati oggi vengono confermati dallo studio del Conai in cui si stima che l’aumento del costo del servizio sarà compensato dai minori costi dovuti alla minore quantità di rifiuti conferita negli impianti di trattamento meccanico biologico”.

“Il piano presentato questa mattina – continua De Marchis - ci convince per due motivi in particolare: per prima cosa suddivide la città in tre aree, centro periferia e marina di Latina, in secondo luogo, come da noi richiesto, prevede l’applicazione della tariffa puntuale in luogo della Tares, ovvero di quella tariffa che consentirà ai cittadini di pagare rispetto al rifiuto effettivamente prodotto. È la modalità più equa di far pagare agli utenti il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti, una vera rivoluzione che sarebbe potuta partire quindici anni fa, ma meglio tardi che mai”.

Il Partito democratico ha chiesto in commissione ambiente di definire un calendario fitto di incontri: “Siamo pronti a confrontarci su questo tema – conclude De Marchis - perché pensiamo sia questa la strada giusta per arrivare a chiudere le discariche, cosa che auspichiamo da anni per il territorio provinciale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, differenziata spinta: presentato il piano in Commissione

LatinaToday è in caricamento