Rifiuti, Rida riapre i battenti: “25 Comuni non si sono presentati. Dov’era l’emergenza?”

Il patron Altissimi traccia un bilancio al termine della prima giornata successiva alla riapertura dell'impianto di Aprilia avvenuta in seguito all'ordinanza della Provincia di Latina

L'impianto di Rida Ambiente

Ha riaperto i battenti ieri, lunedì 19 giugno, l’impianto di Aprilia della Rida Ambiente; una decisione assunta domenica dalla società in seguito all’ordinanza della Provincia di Latina firmata dal presiedente Eleonora Della Penna. 

Al termine della prima giornata successiva alla riapertura del sito pontino il patron di Rida Ambiente Fabio Altissimi traccia un bilancio. 

“Per poco più di 48 ore alcuni organi di stampa, fortunatamente sempre meno, e diversi enti istituzionali, ci hanno descritto come la causa di un’emergenza creata ad hoc e quasi  per capriccio e che avrebbe portato i Comuni della provincia a essere sommersi dai rifiuti - commenta -. I fatti ancora una volta hanno smentito i nostri detrattori”.

“Una riapertura a cui siamo stati costretti a seguito di un’ordinanza della Provincia che abbiamo duramente contestato e che non garantisce una produzione sicura - prosegue Altissimi - ma che riteneva necessaria l’apertura immediata pena una crisi sanitaria e ambientale senza precedenti. Ebbene questa mattina - ieri lunedì 19 giugno - 25 Comuni non si sono presentati ai cancelli di Rida preferendo sversare altrove i rifiuti per motivi che a oggi ignoriamo e che ci piacerebbe anzi conoscere. 

Ergo dov’era questa grave emergenza? Perché non potevamo aspettare nuovi controlli che verificassero la bontà della nostra procedura? Perchè, al contrario, siamo stati costretti a operare in tutta fretta con un nuovo procedimento che non garantisce, almeno sulla carta, il rispetto della normativa? 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domande a cui noi non riusciamo a dare risposte che però andrebbero fornite, soprattutto ai cittadini” conclude Altissimi. 

A LATINA RIPRENDE LA RACCOLTA DEI RIFIUTI 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Coronavirus Latina, nuovo picco di contagi: altri 30 positivi in provincia

  • Operazione Dirty Glass: chi è Natan Altomare, "soggetto scaltro e pericoloso"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento