Conferimento dell'umido, Rida: "Confidiamo nel Tar per ripristinare i contratti"

Parla il patron dell'azienda di Aprilia: "A consentire il ripristino dei contratti potrebbero però essere ora l’autorità giudiziaria". Lunedì mattina i tecnici Arpa si sono recati in azienda per i controlli

“Dispiace dover leggere un comunicato del neo sindaco di Sabaudia Gervasi in cui si sostiene che la raccolta dei rifiuti sia tornata alla normalità dopo la crisi creata da Rida Ambiente che ha deciso di bloccare il conferimento. Dispiace perché il sindaco è stato evidentemente male informato”. Replica così l'amministratore di Rida Fabio Altissimi alla recente nota del neo sindaco di Sabaudia Giada Gervasi, che aveva spiegato la situazione della raccolta dell'umido in città e il ritorno alla normalità, dopo il blocco dei conferimenti alla Rida.

“La Regione Lazio - spiega ancora la Rida - ci ha diffidato sostenendo la produzione di un rifiuto non conforme al conferimento in discarica. Non potevamo certo modificare un processo autorizzato e utilizzato da anni in 24 ore e in attesa di nuovi controlli siamo stati costretti a chiudere i battenti. Ci si stava accusando di produrre un rifiuto potenzialmente pericoloso e inquinante: abbiamo preferito non lavorare e quindi non generare profitto  piuttosto che rischiare di ledere le migliaia di cittadini che serviamo. Il tutto pur essendo certi che il nostro lavoro fosse fatto a regola d’arte. E’ stata poi la Provincia a obbligarci a riaprire ma solo per il conferimento dell’indifferenziato e non per l’organico che, come lo stesso sindaco di Sabaudia ha evidenziato, viene ora conferito a Kyklos e Sep. A determinare la nostra inevitabile scelta insomma sono stati dirigenti e direttori della Regione Lazio che fanno parte della giunta Zingaretti non altro”.

A consentire il ripristino dei contratti potrebbero però essere ora  il Tar e l’autorità giudiziaria. Lunedì mattina infatti, dopo numerosi solleciti della società e dello stesso tribunale amministrativo, i tecnici Arpa si sono finalmente recati in azienda per analizzare il contenuto della biocella numero tre. “Purtroppo ci hanno avvertito solo sabato sera alle 18.50, arrivando in azienda poco dopo le  11.30 di lunedì e chiudendo i verbali alle 21.40 – spiega Altissimi – quindi non possediamo i dati che oggi avrebbero dovuto essere prodotti in udienza al Tar. Tutto slitta ancora ma continuiamo a confidare nella legge e nei tribunali per ripristinare i contratti in essere con i Comuni clienti che ci hanno assistito e gratificato. Mi auguro quindi che i sindaci che non si sentono condizionati da altre politiche possano presto riprendere i conferimenti all’impianto Rida”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Io ho la sensazione – conclude il patron di Rida Ambiente -  che a qualcuno non dispiacerebbe fermare la nostra azienda e dirottare i nostri contratti (con l’organico è già avvenuto) su altre aziende. Ora però saranno il Tar e l’autorità giudiziaria a valutare l’esito dei nuovi controlli che, così come abbiamo da subito richiesto, sono stati finalmente disposti. Se Rida ha inquinato per 26 anni è giusto che chiuda, se ha sbagliato è giusto che paghi ma se sta nel giusto allora che ci lascino lavorare, nella speranza che la Regione Lazio rivolga magari altrettanta attenzione anche agli altri impianti attivi nel territorio, in alcuni casi, da più di cinquant’anni. Un dato è certo e credo se ne debba tener conto: visti i nostri costi di conferimento, in sei anni la Rida Ambiente ha fatto risparmiare ai contribuenti 105 milioni di euro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Coronavirus Latina, nuovo picco di contagi: altri 30 positivi in provincia

  • “Spregiudicato e di grande caratura criminale”: ecco chi è Luciano Iannotta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento