Cronaca Aprilia

Rogo al Tmb Salario, gli impianti del Lazio in soccorso di Roma: Aprilia contraria

L'assessore all'Ambiente: "Pronti a tutto. Stanchi di vivere con la minaccia di diventare la discarica di Roma"

"Faccio appello a tutte le città del Lazio per supportare Ama in questo momento”. Dopo il rogo della notte di lunedì al Tmb Salario, che ha reso inutilizzabile l'impianto di trattamento dei rifiuti indifferenziati di Roma, la sindaca Virginia Raggi ha fatto appello alle altre città del Lazio per smaltire le circa 800 tonnellate al giorno di rifiuti che restano da ieri senza destinazione. La Regione Lazio si è attivata per valutare le disponibilità degli operatori presenti sul territorio regionale. Tra gli impianti che potrebbero arrivare in soccorso della Capitale figurano quello di Ecologica Viterbo, della Sal di Colfelice, in provincia di Frosinone, e quello di Rida Ambiente di Aprilia. 

Categorico è però il "no" del Comune di Aprilia. Già ieri sera, 11 dicembre, l'assessore all'Ambiente Michela Biolcati Rinaldi ha annunciato di aver annullato tutti gli impegni programmati per la giornata di oggi "perché non resta altro che andare alla Regione Lazio per rappresentare all'assessore Massimiliano Valeriani le ragioni di una comunità di oltre 70mila persone stanche di vivere con la minaccia di diventare la discarica di Roma". 

"È un mio preciso dovere - spiega l'assessore - che intendo esercitare a tutela della mia città. La storia è sempre la stessa: Roma non decide, la Regione Lazio non fa il Piano Regionale dei Rifiuti e da noi portano l'immondizia. Questa volta non andrà così perché questa città è stanca e soprattutto pronta ad alzare la voce per far valere i propri diritti. Il Presidente Nicola Zingaretti si tenga pronto ad esercitare i poteri sostitutivi che la legge prevede per tutelare allo stesso modo tutti i cittadini del Lazio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rogo al Tmb Salario, gli impianti del Lazio in soccorso di Roma: Aprilia contraria

LatinaToday è in caricamento