Giardino di Norma Cossetto: ripulita la lapide dedicata alla giovane martire delle foibe

Per la seconda volta dopo l’inaugurazione del febbraio scorso la stele in memoria della studentessa vittima delle foibe deturpata dai vandali

E’ stata ripulita la stele dedicata a Norma Cossetto all’interno del giardino dedicato proprio alla giovane studentessa istriana martire delle foibe. 

Per la seconda volta in poco più di un mese, dopo l’inaugurazione lo scorso 10 febbraio dell’area verde in via Cimarosa nel quartiere Q4, la lapide è stata deturpata dai vandali. Lo stesso era accaduto proprio il giorno successivo all’inaugurazione; un gesto vile che aveva ricevuto la ferma ed unanime condanna da parte di tutta la città come di tutto il mondo politico locale. 

Questa mattina, come fanno sapere dall’Amministrazione comunale, i dipendenti della Abc hanno ripulito la lapide cancellando gli ignobili segni realizzati con vernici rossa e bianca. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sull’episodio è intervenuta ieri anche Giorgia Meloni che attraverso la sua pagina Facebook ha definito questo “un gesto infame commesso dai soliti deficienti che considerano 'rivoluzionario' sfregiare il monumento dedicato ad una ragazza stuprata e infoibata solo perché italiana. Il presidente di Fratelli d’Italia ha anche ribadito l'impegno preso da FdI in campagna elettorale, cioè quello di ”istituire nel capoluogo pontino un Museo dell’accoglienza degli esuli istriani e dalmati e intitolarlo alla memoria di Norma Cossetto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Chiede la mascherina al datore di lavoro: licenziato, picchiato e poi gettato in un canale

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Coronavirus, tre nuovi casi in provincia: tutti relativi al cluster di Priverno

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

Torna su
LatinaToday è in caricamento