Pericolo neve e gelate a Formia, macchina spargisale per la Protezione Civile

La decisione del Comune per evitare i disagi vissuti lo scorso anno dai cittadini dei quartieri collinari rimasti isolati quando le basse temperature, il nevischio e le gelate avevano reso il manto stradale scivoloso e pericoloso

Il pickup della Protezione Civile di Formia

Una macchina spargisale anche per la Protezione Civile di Formia: la decisione del Comune per scongiurare rischi per i cittadini soprattutto dei quartieri collinari.

“Formia non è solo una città di mare - spiegano dall’amministrazione -. Durante lo scorso inverno la temperatura è scesa più volte sotto lo zero, con nevischio e gelate nei quartieri collinari. Le condizioni del manto stradale, reso scivoloso dal ghiaccio, isolarono le frazioni di Maranola, Trivio e Castellonorato coi residenti costretti a rimanere in casa per evitare problemi”.

Al fine di prevenire i disagi e i rischi alla popolazione, il Comune ha così deciso di intervenire acquistando una macchina spargisale da dare in dotazione alla locale Protezione Civile.

“Il macchinario, costato 3.200 euro, sarà consegnato nelle prossime ore ai volontari del ‘Ver Sud Pontino - concludono dall’amministrazione -. Il sale, due pedane per complessivi venticinque quintali, è stato invece donato al Comune dalla Regione Lazio. La nuova dotazione sarà installata sul pickup impiegato dalla Protezione Civile per i servizi di emergenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, altri 209 contagi e tre morti in provincia. Boom di casi a Terracina

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

Torna su
LatinaToday è in caricamento