Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca Sezze

Risse e aggressioni, pugno duro del sindaco: “Dietro l’angolo il rischio di deriva sociale”

L’intervento, e il provvedimento, del primo cittadino dopo gli ultimi episodi di violenza di queste settimane nel centro lepino

Violenza, risse, aggressioni: è salita alla ribalta delle cronache Sezze negli ultimi giorni per alcuni episodi che si sono verificati nella zona Ferro di Cavallo e hanno fatto alzare notevolmente il livello dell’attenzione. L’ultimo in ordine di tempo nel fine settimana appena trascorso nel corso del quale, al termine di una rissa, sarebbero stati esplosi anche alcuni colpi di pistola in aria. 

“Gli ultimi episodi che si sono verificati in città mi hanno spinto a una serie di riflessioni per comprendere la situazione e per cercare soluzioni immediate ad un problema che, non ci nascondiamo, purtroppo nella nostra Sezze esiste e saremmo ipocriti a non considerarlo come tale” ha detto il sindaco di Sezze Lidano Lucidi intervenendo oggi. 

“Ci sono una serie di indizi che portano a capire come il fenomeno della violenza e del bullismo in generale, soprattutto tra le giovani generazioni, sia presente e in forte crescita. Per questo motivo, anche a costo di sembrare impopolare, ho deciso di porre un freno a questa escalation di situazioni che potrebbero perfino degenerare. La decisione di prendere provvedimenti nasce da una profonda riflessione e dalla necessità impellente di affrontare il problema piuttosto che nascondere la testa sotto la sabbia. Il rischio di deriva sociale è dietro l’angolo e mi sento, da padre e da amministratore, di lanciare un appello nei confronti delle nostre giovani generazioni: cercate modelli positivi, non piccoli criminali nati dai racconti di ‘Narcos’, di ‘Gomorra’ e di ‘Romanzo Criminale’. Le azioni compiute in questo periodo della vostra vita rischiano di condizionare qualsiasi cosa vorrete fare in futuro.

Quindi mi sento di raccomandare molta attenzione per evitare di innescare una forma ingiustificata ed ingiustificabile di violenza che mina i principi del vivere civile e metterebbe la città in risalto per atti negativi che invece cerchiamo tutti di evitare”.

E proprio in queste ore il sindaco Lucidi ha emesso un’ordinanza che dispone nei confronti del locale “Central Cafè” di evitare assembramenti all’interno e nella pertinenza dell’attività limitando la presenza delle persone al tempo strettamente necessario alla consumazione di alimenti e bevande; di obbligare i soggetti presenti sia all’interno che nella pertinenza del locale a non sostare e di limitare la propria presenza al tempo necessario per la consumazione; e il divieto di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 21, “considerato come il consumo di bevande alcoliche - recita proprio l’ordinanza - sia una delle cause determinanti i gravi fatti già successi e al fine di prevenire ulteriori casi, anche in considerazione dell’approssimarsi della stagione primaverile, che potrebbero avere conseguenze molto serie in materia di sicurezza ed incolumità pubblica”. 

Un provvedimento che, viene spiegato nello stesso documento, arriva proprio in seguito agli episodi che si sono verificati nell’ultima settimana con “risse, aggressioni ed assembramenti sia all’interno del locale che nella propria pertinenza, creando gravi ripercussioni sulla cittadinanza in merito alla percezione di sicurezza, nonché gravi problemi alla sicurezza ed all’ordine pubblico"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Risse e aggressioni, pugno duro del sindaco: “Dietro l’angolo il rischio di deriva sociale”
LatinaToday è in caricamento