Ristoratore ruba il tablet ad un cliente del suo locale, denunciato dalla polizia

Alla vittima, un uomo di Cisterna, era stato sottratto l'apparecchio durante una cena tra amici. La polizia riesce ad identificare il ladro acquisendo i tabulati e incrociando i dati con la sim abbinata

Il suo tablet era sparito durante una cena tra amici e dopo alcuni mesi si è scoperto che a rubarlo è stato proprio il titolare del ristorante. L'assurda vicenda è capitata a un uomo di Cisterna che nell' agosto del 2015  ha sporto una denuncia di furto presso il locale commissariato, di alcuni oggetti personali nonché di un Tablet Samsung Galaxy, appena acquistato.

Agli agenti, la vittima ha ipotizzato che il furto potesse essere avvenuto all’interno di un ristorante nel frusinate durante una cena tra amici.

La polizia ha messo in campo una serie di accertamenti tecnici, acquisendo inoltre i tabulati contenenti il traffico telefonico dei numeri, in entrata ed uscita, abbinati al codice identificativo I.M.E.I. del Tablet della vittima.

All’esito di tali verifiche è stato appurato che il Tablet,  perfettamente in uso, era stato abbinato ad una Sim telefonica, risultata intestata al titolare del ristorante dove la vittima era stata a cena quella sera.

Il ristoratore, messo di fronte agli inconfutabili elementi di prova acquisiti dagli investigatori del Commissariato di Cisterna, ha consegnato spontaneamente l’oggetto rubato, è stato denunciato per furto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, contagi in risalita: 180 casi e ancora quattro decessi in provincia

  • Coronavirus Latina, altri 231 contagi. Ma non c'è alcun decesso nelle ultime 24 ore

Torna su
LatinaToday è in caricamento