Una rivoluzionaria scoperta sull'Alzheimer porta anche la firma pontina

La ricerca del professor Marcello D'Amelio è stata finanziata dalla Cmnsport onlus, presieduta dal setino Alessandro Recine, affiancato dal latinense Stefano Ciaurelli. Cambierà l'approccio alla malattia e la sua cura

Una rivoluzionaria scoperta sull’Alzheimer si deve all’impegno di due professionisti pontini, Alessandro Recine e Stefano Ciaurelli, che hanno creato la Cmsport onlus che ha finanziato il progetto di ricerca e ha consentito la scoperta del professor Marcello D’Amelio e del suo staff.

Non è infatti nell’ippocampo l’area del cervello associata alla memoria, che va cercata l’origine del morbo, bensì nell’area collegata ai disturbi dell’umore, l’area cioè tegmentale ventrale.In questa zona avviene quindi la morte di neuroni che innesca l’insorgere della patologia, privando l’ippocampo della dopamina, un neurotrasmettitore fondamentale per alcuni meccanismi di comunicazione tra i neuroni. Una scoperta questa, destinata a cambiare il metodo di approccio alla malattia e forse la sua cura.

L’intero progetto è stato finanziato oltre che dal ministero della Salute e dall’Alzheimer’s Association, anche da una realtà che affonda le sue radici in provincia di Latina. Tutto è iniziato infatti da un’idea della Cmnsport Onlus, “Centre of molecular nutrition for sport” di cui lo stesso professor D’Amelio fa  parte. Artefici di tutto questo sono i due professionisti Alessandro Recine, da anni residente a Rimini, ex calciatore e ora procuratore sportivo di vasta esperienza, e Stefano Ciaurelli, biologo nutrizionista e ricercatore con diverse esperienze di studio e attività di sperimentazione particolarmente significative.

Sono stati loro a creare un centro clinico di eccellenza al livello europeo.

 “Abbiamo sempre creduto nel progetto portato avanti dal professor D’Amelio – ha detto Alessandro Recine, presidente della Onlus - lo dimostra il fatto che a finanziare direttamente la ricerca è stata la nostra Onlus, abbinata al Cmn Sport. Da sempre perseguiamo una finalità, ottimizzare il connubio tra scienza e pratica sportiva avvalendoci del contributo delle più importanti personalità di livello internazionale nel campo della medicina bio-molecolare. Il team di scienziati coordinati da D’Amelio ha conseguito questo sensazionale risultato e siamo orgogliosi di averlo sostenuto sin dall’inizio. Con altrettanto orgoglio, inoltre, ci piace accostare a tale scoperta le nostre origini: anche la provincia di Latina troverà spazio nell’enorme ribalta mediatica ricevuta dallo studio sull’Alzheimer”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: ancora 230 casi positivi nel Lazio e 22 nuovi contagi in provincia

  • Coronavirus, contagi inarrestabili: altri 181 casi nel Lazio e 23 in provincia di Latina

  • Coronavirus: altri 19 casi in provincia, record a Cisterna. Un paziente morto per covid

  • Coronavirus: 10mila tamponi e altri 230 casi nel Lazio. In provincia 15 contagiati in più

  • Coronavirus Latina: casi positivi in due scuole elementari, chiuse quattro classi

  • Coronavirus Latina, la curva dei contagi non si ferma: altri 24 casi in provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento