Roma-Latina, Forte: “Si inaugura una nuova fase per lo sviluppo e la mobilità”

Così il consigliere regionale e candidato sindaco a Latina del Pd dopo l'aggiudicazione della gara d'appalto per l'opera che "rappresenterà un elemento di beneficio per l'economia" e con cui "una nuova fase per la viabilità per Latina e il Lazio"

Provincia fuori dall’isolamento; con la Roma-Latina si apre una nuova fase per lo sviluppo e la mobilità”: con queste parole il consigliere regionale e candidato sindaco del Pd Enrico Forte commenta la pubblicazione dell’atto di aggiudicazione dell’opera da parte della società Autostrade del Lazio la cui Commissione di valutazione ha individuato quale offerta migliore quella presentata dalla cordata italo-spagnola Sis.

“Con l’aggiudicazione della gara di appalto per la realizzazione della Roma-Latina e del collegamento autostradale Cisterna-Valmontone si inaugura una nuova fase per la viabilità non soltanto della provincia di Latina ma della Regione Lazio. Si tratta infatti di un’opera prioritaria per il nostro territorio che, una volta realizzata, non soltanto renderà migliore la vita dei migliaia di pendolari che quotidianamente sono costretti a percorrere la Pontina - ormai insufficiente per i volumi di traffico – ma rappresenterà un elemento di sicuro beneficio anche per la nostra economia.

Disporre di un collegamento diretto con la rete autostradale e di un’arteria a più corsie che rende Roma più vicina significa poter contare su un sistema infrastrutturale moderno, quello che è mancato fino ad oggi e che ha penalizzato la provincia pontina”.

"La Roma-Latina e il raccordo Cisterna-Valmontone – sottolinea - sanano un gap enorme per il nostro territorio dotandolo di un sistema viario moderno e soprattutto di un collegamento con l’autostrada. Un risultato che arriva a conclusione di un iter lungo e difficoltoso anche a causa di una serie di stop imposti da alcuni ricorsi e contenziosi che hanno inevitabilmente rallentato i tempi di definizione. Del resto era stata proprio la Regione, meno di due anni fa ad intervenire con un proprio atto per uscire dal lungo ed estenuante contenzioso e sbloccare l’iter consentendo di poter finalmente utilizzare i fondi del Cipe.

Ora è tempo di guardare avanti in una prospettiva di rilancio e di crescita della provincia di Latina e di tutto il Lazio, rilancio e crescita che sono inimmaginabili in assenza di infrastrutture quali appunto la Roma-Latina e il raccordo Cisterna-Valmontone. Industria, agricoltura, turismo non possono essere competitivi se non supportati da infrastrutture all’altezza della situazione: queste opere – conclude Forte - possono realmente fare la differenza per il sistema economico e per l’intera comunità pontina”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus Latina, altri 231 contagi. Ma non c'è alcun decesso nelle ultime 24 ore

Torna su
LatinaToday è in caricamento