Cronaca

Roma-Latina, Unindustria: “Subito i cantieri. Basta con le divisioni”

Il presidente Miraglia: "Non possiamo certo permetterci di perdere ulteriore tempo; dobbiamo remare tutti verso un cambiamento strutturale. Riunione dell'Ance oggi pomeriggio all'hotel Europa

Si torna a parlare della Roma-Latina, una delle opere più attese, ma anche la più discussa degli ultimi anni. E a farlo è il presidente di Unindustria Latina che ribadisce come questa sia un’”infrastruttura strategica” per il territorio pontino.

“Sin dal giorno del mio insediamento come Presidente di Unindustria Latina - dichiara Fabio Miraglia - ho sostenuto fortemente la realizzazione di questa opera viaria, indispensabile per risolvere le problematiche di mobilità dell’area che va da Roma verso la nostra provincia e viceversa, ed ora che siamo più vicini all’apertura dei cantieri, certamente non possiamo tornare al punto di partenza”.

Non possiamo certo permetterci di perdere ulteriore tempo, visto che sono ormai quasi venti anni che chiediamo la realizzazione di quest’opera - prosegue il numero uno di Unindustria -. Senza contare che non si può più tergiversare e bisogna al più presto cercare di invertire la rotta verso la ripresa.

Riteniamo, inoltre, che il nostro territorio non può più permettersi divisioni ma che al contrario, si debba remare tutti verso un cambiamento strutturale che la nostra Regione può e deve perseguire, lasciandosi alle spalle quell’idea che purtroppo in tutti questi anni abbiamo dato di immobilità e di incapacità di prendere decisioni”.

“Come ha più volte sottolineato anche il presidente di Unindustria Maurizio Stirpe - dichiara ancora -, con la realizzazione di tale arteria abbiamo la possibilità di mettere finalmente a sistema un quadrante che unisce il Sud ed il Nord della Regione, andando a collegare Latina a Civitavecchia attraverso l’hub di Fiumicino, che è la principale porta di ingresso nel nostro Paese, non trascurando che il progetto, una volta realizzato nella sua interezza, prevede anche la bretella Cisterna-Valmontone, che andrebbe a collegare la Roma-Latina direttamente con l’A1.

Ulteriori deviazioni da queste progettualità, allo stato attuale – conclude Miraglia – ritengo siano solo delle perdite di tempo che certamente il nostro territorio, le nostre imprese, i nostri cittadini non meritano e sono anche altresì convinto che non auspichino. Unindustria Latina metterà a disposizione tutte le proprie energie affinché questo non avvenga.”

E proprio oggi pomeriggio alle 15.30 l’Ance, l'associazione dei costruttori edili che proprio giovedì si riunirà all'hotel Europa per discutere del progetto di cui più volte ha messo in luce limiti e perplessità sui costi e i tempi dell’opera, arrivando a proporre anche di utilizzare le risorse disponibili per una ristrutturazione dell’attuale Pontina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma-Latina, Unindustria: “Subito i cantieri. Basta con le divisioni”

LatinaToday è in caricamento