Plastica nera bruciata, un rischio per la salute dei cittadini di Sabaudia e San Felice

Il Comitato Mezzomonte, Molella e Palazzo ai sindaci: "Subito un tavolo per risolvere il problema del materiale utilizzato in agricoltura"

Il presidente del Comitato che riunisce le frazioni di Sabaudia Molella, Mezzomonte e Palazzo, Enzo Cestra, ha chiesto ai sindaci di Sabaudia Giada Gervasi e di San Felice Circeo Giuseppe Schiboni la riunione di un tavolo di concertazione istituzionale che affronti il problema dello smaltimento della plastica nera utilizzata in agricoltura che se bruciata, come accade spesso, diventa molto nociva per la salute dei cittadini.

“La plastica bruciata rischia di sprigionare sostanze nocive – scrive Cestra ai primi cittadini – come le diossine molto dannose per la salute umana soprattutto per i bambini che sono esposti anche in caso di concentrazioni basse o bassissime. Gli effetti sono alterazioni del sistema immunitario, danneggiamento dei linfociti, eliminazione di ormoni naturali nel corpo e molto altro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un problema che, alla luce delle continue lamentele dei residenti, secondo il responsabile del Comitato va affrontato con urgenza e risolto magari “attraverso l’istituzione di un’apposita area di stoccaggio e smaltimento ad un prezzo accessibile per andare incontro alle esigenze degli agricoltori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus, contagi inarrestabili. Nel Lazio quasi 600 nuovi casi, in provincia 47 in più

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

  • Coronavirus: altri 49 contagi in provincia. I numeri più alti a Latina, Cisterna ed Aprilia

  • Coronavirus, 543 casi nel Lazio su 15.500 tamponi effettuati in 24 ore. Cinque morti, 112 guariti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento