Martedì, 23 Luglio 2024
Cronaca San Felice Circeo

Botte alla moglie: "Non volevo, avevo bevuto troppo"

Udienza di convalida per il 41enne arrestato a San Felice Circeo con l'accusa di maltrattamenti in famiglia: la vittima ha riportato un trauma cranico e alcune contusioni

Si è avvalso della facoltà di non rispondere ma ha comunque negato di avere picchiato la moglie il 41enne di nazionalità indiana arrestato dai carabinieri a San Felice Circeo con l'accusa di maltrattamenti in famiglia.

Questa mattina l'uomo è stato ascoltato presso il carcere di Latina dove è detenuto dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale Giuseppe Molfese nell'udienza di convalida del fermo ma non ha voluto rispondere alla domande del magistrato. Ha soltanto rilasciato spontanee dichiarazioni respingendo l'accusa di avere colpito la compagna nel corso di una discussione o comunque di non avere l'intenzione di colpirlaper poi precisare che aveva bevuto troppo e non era molto lucido. Le botte inferte hanno comunque provocato un trauma cranico e una serie di contusioni multiple per le quali  la vittima è dovuta ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso. Per lei i sanitari hanno stilato un referto di sette giorni di prognosi.

A conclusione dell'udienza il legale dell'uomo, l'avvocato Valentina De Gregorio, ha chiesto che al 41enne venissero concessi gli arresti domiciliari. Il gip ha convalidato il fermo e si è riservato sulla misura cautelare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botte alla moglie: "Non volevo, avevo bevuto troppo"
LatinaToday è in caricamento