rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Sanità, sindaci in Regione: 14 milioni per la provincia pontina

Proficuo incontro tra il presidente Zingaretti e una delegazione dei sindaci; stilato un cronoprogramma di interventi. Il governatore del Lazio: "Entro 90 giorni ci impegniamo a sbloccare oltre 14,5 milioni di investimenti"

Importante incontro in tema di sanità in Regione tra il presidente Nicola Zingaretti, il responsabile della cabina di regia Alessio D’Amato e una delegazione dei sindaci pontini, uno per ciascun distretto sociosanitario della provincia di Latina - Latina, Aprilia, Fondi, Formia e Priverno -, insieme al direttore della Asl di Latina Michele Caporossi e ai consiglieri regioanali pontini Enrico Forte (Pd) e Giuseppe Simeone )Forza Italia).

Investimenti e tempi certi per la realizzazione degli interventi: questo quanto emerso durante il confronto voluto dal primo cittadino di Latina Di Giorgi dopo la Conferenza dei Sindaci dello scorso 4 luglio per fra fronte ad una situazione delicata per il territorio pontino.

“Grazie al proficuo confronto con i sindaci – spiega il governatore del Lazio - abbiamo stilato un vero e proprio cronoprogramma di interventi. Entro 90 giorni ci impegniamo a sbloccare oltre 14,5 milioni di euro di investimenti per la realizzazione del Dea di II livello a Latina, (adeguamento del Pronto Soccorso e percorso donna-bambino) la messa a norma del servizio di Radioterapia, la riapertura del reparto di psichiatria ospedaliera di Latina, il potenziamento della diagnostica per immagini (Risonanza Magnetica, Ecografi e Tac) per ridurre i tempi delle liste d’attesa e, infine, la realizzazione di un nuovo dipartimento materno-infantile del capoluogo”.

Saranno inoltre attivati: la nuova radiologia e la radiologia interventistica, il nuovo centro trasfusionale e le sale operatorie. Interventi che saranno accompagnati dall’adeguamento dei sistemi antincendio e antisismici.

Per quanto riguarda il resto della provincia, “entro ferragosto, - continua Zingaretti - sarà finalmente sbloccato il processo autorizzativo fermo da due anni per la risonanza magnetica di Formia e l’angiografo per l’emodinamica di Latina”.

“Azioni concrete  - aggiungono da Roma - che si sommano a quelle già realizzate per la sanità pontina e che stanno portando importanti risultati. Un esempio su tutti è quello delle Case della Salute, il nuovo modello di sanità inaugurato proprio in provincia di Latina. La casa della Salute di Sezze, infatti, dal momento della sua apertura conta quasi 16mila prestazioni effettuate e 581 presenze per la degenza infermieristica, circa 10 presenze in media al giorno”.

“Da settembre – conclude Zingaretti – partirà anche la presa in carico dei pazienti cronici a Sezze ed entro il 2015 aprirà la nuova casa della Salute di Gaeta e Minturno”.

LA NOTA DEL COMUNE - Il sindaco Di Giorgi ha ringraziato il presidente Zingaretti, sottolineando il proficuo percorso intrapreso tra Regione e territorio in tema di programmazione sanitaria, un confronto che come ha sottolineato il governatore del Lazio, rappresenti "una tappa importante in un percorso di confronto con il territorio per la stesura dell’Atto aziendale. Un documento, ha continuato Zingaretti, che deve avere come punto fermo la valorizzazione del DEA di II Livello a Latina, il I Livello a Formia e gli ospedali di Fondi e Terracina, ma soprattutto una inversione di tendenza sulla programmazione e sui posti letto. Tra gli impegni presi dalla Regione anche la eliminazione definitiva delle macroaree, per consentire invece il rafforzamento della rete ospedaliera locale basata sulle quattro strutture di Latina, Formia, Terracina e Fondi, e lo sblocco entro novanta giorni dei fondi statali provenienti della legge 67/88, per l'ammodernamento delle infrastrutture sanitarie. Saranno infine mantenuti i cinque distretti sociosanitari pontini e non saranno tagliati i posti letto, anzi saranno incrementati".

“Abbiamo chiesto un incontro con il presidente Zingaretti per avviare un percorso costruttivo e di piena collaborazione – afferma il sindaco Giovanni Di Giorgi – in cui il territorio sia diretto protagonista nelle scelte di programmazione sul futuro della sanità pontina, ponendoci al fianco della direttore generale della Asl in questo percorso. Nell’ultima Conferenza dei sindaci abbiamo deciso di agire in maniera unitaria e costruttiva e il presidente Zingaretti ha colto pienamente questo spirito collaborativo confermando l’impegno della Regione per il rilancio della rete sociosanitaria e ospedaliera del nostro territorio, in particolare potenziamento del Dea di II livello dell’ospedale S. Maria Goretti di Latina e di quello di Formia come Dea di I livello, ma anche gli investimenti per il rinnovo delle tecnologie diagnostiche degli ospedali di Latina, Formia, Terracina e Fondi. E’ stato anche stabilito di convocare a settembre un apposito tavolo in Regione con l’università La Sapienza per programmare in maniera più organica e integrata la presenza dell’Università stessa nelle strutture sanitarie pontine. Ringrazio il presidente Zingaretti e il direttore Caporossi per la disponibilità alla piena collaborazione. Nei prossimi giorni convocherò la Conferenza dei sindaci pontini sulla sanità, per riferire in dettaglio gli esiti dell’incontro di oggi in Regione”.                          

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, sindaci in Regione: 14 milioni per la provincia pontina

LatinaToday è in caricamento