Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Latina scende ancora in piazza per Satnam Singh: nuova manifestazione e 8 ore di sciopero

A proclamare la mobilitazione di martedì 25 giugno la Comunità indiana del Lazio con l’adesione di Fai Cisl e Uila Uil. Raduno alle 14 alle autolinee, poi il corteo fino in piazza della Libertà

Dopo la manifestazione di sabato, Latina si mobilita ancora per Satnam Singh, contro il caporalato e lo sfruttamento nelle campagne. Per martedì 25 giugno è stata promossa una manifestazione dalla Comunità indiana del Lazio a cui hanno subito aderito la Fai Cisl e la Uila Uil. “C’eravamo già trovati di fronte a veri e propri atti disumani nei confronti dei tanti fratelli indiani che abitano e lavorano nella provincia di Latina, ma mai avremmo pensato di trovarci addirittura davanti una morte” ha scritto Comunità indiana del Lazio in una nota a firma del suo presidente Gurmukh Singh. 

La manifestazione dopo la morte di Satnam Singh, ferito in un incidente sul lavoro in cui ha perso un braccio, poi abbandonato in strada davanti casa e deceduto due giorni dopo in ospedale, avrà inizio alle autolinee e terminerà in piazza della Liberà; la Comunità indiana del Lazio ha annunciato che lascerà una lettera al prefetto per denunciare tutto quello che succede ogni giorno e per far sì che tutto questo non accada mai più. Alla manifestazione, come detto, hanno aderito i sindacati di Fai Cisl e Uila Uil che hanno proclamato anche 8 ore di sciopero del comparto agricolo. “La morte di Satnam Singh è maturata in un contesto di sfruttamento disumano che nessun paese civile può tollerare, e dopo aver ribadito al Governo le nostre priorità per debellare ghetti e caporalato pensiamo sia doveroso, in questo momento di dolore, tenere alta l’attenzione su quanto accaduto a Latina. Per questo - scrive oggi sui social della Fai-Cisl il segretario generale Onofrio Rota - abbiamo scelto di partecipare domani con la Uila-Uil alla manifestazione promossa dalla comunità indiana locale, proclamando una giornata di sciopero di 8 ore con cui rilanciare un’azione strutturale e a tutto campo per la legalità e il lavoro agricolo dignitoso”.

La manifestazione ha inizio alle 14 con il raduno alle autolinee da dove alle 15 partirà il corteo per giungere in piazza della Libertà, dove si terranno intorno alle 16 gli interventi dei rappresentanti della comunità indiana e dei sindacati. “Tutta la società civile, associazioni, rappresentanti delle istituzioni e del mondo del lavoro – aggiunge Rota – sono invitati a prendere parte a questa giornata di solidarietà e partecipazione per sostenere una battaglia di civiltà, con cui riconoscere piena dignità alle lavoratrici e ai lavoratori che garantiscono il cibo sulle tavole degli italiani”.

Appello alla partecipazione che nei giorni scorsi è arrivato anche dalla Uila Uil. “Da questa terribile ed efferata vicenda ci auguriamo possano essere finalmente intraprese iniziative idonee a risolvere i problemi che stanno a monte di questa tragedia, in particolare la regolarizzazione dei lavoratori occupati in agricoltura e la riorganizzazione dei servizi ispettivi che devono essere pronti ed efficienti nello svolgere le loro attività e che, soprattutto devono coordinarsi tra loro. A monte di questa tragedia ci sono, infatti - aggiungono dal sindacato -, oltre all’irregolarità del lavoro, che significa lavoro nero sottopagato ed elusione contributiva, anche la convinzione dei datori di lavoro disonesti di non essere scoperti o di poter comunque farla franca, in quanto troppo spesso le ispezioni si limitano ad individuare i lavoratori sprovvisti di permessi di soggiorno e notificargli un foglio di via per espellerli dal paese, mentre non vengono quasi mai accertate né il furto salariale che essi subiscono, né il rispetto delle norme sulla sicurezza sul lavoro”. 

Alla manifestazione hanno dato la loro adesione anche i Comuni di Latina e Cisterna. Attesa la partecipazione di circa 2mila lavoratori indiani.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latina scende ancora in piazza per Satnam Singh: nuova manifestazione e 8 ore di sciopero
LatinaToday è in caricamento