Cronaca

Sequestrata in casa e picchiata dall'ex. Per sfuggire si lancia dal secondo piano

Pomeriggio di follia oggi a Latina, arrestato un giovane di 22 anni. In un appartamento rinvenuta droga, coltelli e sequestrata una telecamere ritenuta funzionale allo spaccio. Avrebbe anche voluto raggiungere l'attuale ragazzo di lei per accoltellarlo

Un vero e proprio pomeriggio di follia, un pomeriggio di terrore per una ragazza di Latina, di appena 23 anni, sequestrata, legata a una sedia e picchiata dal suo ex fidanzato, che avrebbe voluto raggiungere l’attuale ragazzo di lei per accoltellarlo.

Sono da poco passate le 13 di questo pomeriggio, quando la giovane si rifugia in un bar di via G.B. Grassi, chiedendo aiuto. Immediata la chiamata al 113 e l’arrivo delle volanti.

Dalle prime dichiarazioni si comprende come la stessa fosse stata vittima di un vero e proprio sequestro di persona ad opera dell’ex fidanzato. Dieci minuti prima era stata attirata con la forza presso l’abitazione del giovane ed aggredita, legata e picchiata selvaggiamente, nonché ferita con una coltellata ad una mano.

Terrorizzata per quanto subito ed ancor di più per il fatto che veniva informata dall’aggressore che sarebbe andato ad accoltellare l’attuale fidanzato di lei, una volta uscito dall’appartamento la giovane ha trovato la forza di divincolarsi e slegarsi dalla corda che la tratteneva per poi buttarsi dal secondo piano dello stabile. Trascinatasi poi al bar, l’arrivo delle Volanti e la salvezza.

Immediate sono scattate le ricerche dell’aggressore che, nel frattempo, si è disfatto del coltello e di una ipotetica pistola che la donna avrebbe visto in mano all’uomo.

Rientrato a casa è lì che gli agenti, dopo aver forzato la porta, lo hanno trovato. Nell’appartamento, coltelli a serramanico e spade  non denunciate, grimaldelli ed apparati ricetrasmittenti, confezioni di marijuana e cocaina pronte per lo spaccio, nonchè dell’attrezzature atte al confezionamento.

Parte dello stupefacente occultato negli slip. Sequestrati anche 650 euro in contanti e un’agenda con nomi e cifre, verosimilmente il libro contabile dell’attività di spaccio. Inoltre è stato sequestrato un impianto di videoregistrazione e telecamere puntate sulla strada, ritenute strumentali all’attività di spaccio, volte al controllo di eventuali blitz delle forze dell’ordine.

Per fortuna la ragazza non è grave, ma comunque è stata ricoverata in ospedale con 25 giorni di prognosi.

La giovane vive in un appartamento insieme una coetanea. Lì era avvenuta la prima aggressione da parte del 22enne che, dopo aver rinchiuso in una stanza l’amica, ha trascinato presso il proprio appartamento la giovane donna per continuare ad infierire su di lei. In casa della malcapitata, infatti, sono state rinvenute tracce di sangue sul pavimento.

Nell'appartamento dove vive la vittima, è stato trovata una 24 ore piena di dosi di marijuana, cocaina ed altro stupefacente, nonché oggetti predisposti per il confezionamento. Altro stupefacente veniva trovato nei cassetti degli armadietti posti ai lati del letto.

La stanza era in uso alla proprietaria di casa che è stata tratta in arresto per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente. In carcere anche il giovane aggressore che ha precedenti di polizia per armi, droga e rapina. Al momento sono al vaglio le dichiarazioni dell’attuale ragazzo della 23enne aggredita che avrebbe subito un’aggressione dal 22enne. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrata in casa e picchiata dall'ex. Per sfuggire si lancia dal secondo piano

LatinaToday è in caricamento