Cronaca Borgo Piave

Borgo Piave, maxi sequestro di botti illegali: una denuncia

Blitz della guardia di finanza in un deposito. Sequestrati 11mila prodotti per un peso totale di 114 chili insieme ad altro materiale. Deferito il proprietario dell'immobile, un ragazzo di 28 anni

Ancora un maxi sequestro di botti illegali da parte degli uomini della guardia di finanza di Latina. Ad entrare in azione questa volta sono stati gli uomini del comando provinciale che nei giorni scorsi hanno individuato un capannone nella zona di Borgo Piave dove erano stoccati per la vendita numerosi artifici pirotecnici, senza la prescritta licenza di pubblica sicurezza e senza alcuna cautela.

Durante la perquisizione all’interno del deposito sono state trovate oltre a ulteriore materiale esplodente, varie attrezzature (quali mortai, micce e spolette caricate a polvere pirica, nonché una centralina radiocomandata) per la realizzazione di veri e propri spettacoli pirotecnici.

Gli accertamenti sono quindi stati estesi all’abitazione del proprietario dell’immobile dove sono stati rinvenuti centinaia di ulteriori prodotti pirotecnici.

“Al termine dell’attività – si legge in uina nota della guardia di finanza - si procedeva pertanto al sequestro di oltre 11.000 prodotti esplodenti quali batterie, razzi, petardi cosiddetti “kobra”, artifizi artigianalmente confezionati (cosiddetti “trac”) – per un peso totale netto di prodotto attivo pari a 114 chili; 130 mortai; decine di metri di micce e centinaia di spolette caricate con polvere pirica, nonché una centralina radiocomandata”.

Il giovane di 28 anni di Latina, incensurato, è stato denunciato alla Procura della Repubblica per fabbricazione o commercio abusivi di materie esplodenti e per omessa denuncia di materie esplodenti.

Due settimane fa un'altro ingente sequestro di botti di capodanno era stato eseguito sempre dalla guardia di finanza ad Aprilia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borgo Piave, maxi sequestro di botti illegali: una denuncia

LatinaToday è in caricamento