Sequestro di persona al campo nomadi Al Karama: cittadino tedesco ostaggio dei rom

Giorni di terrore per un 32enne che è riuscito a salvarsi grazie a un sms inviato in Germania alla sorella. E' stato attirato in trappola da una donna conosciuta nel suo paese. Blitz della polizia questa notte alle 3 per liberarlo

Giorni di terrore quelli appena trascorsi da un cittadino tedesco tenuto sotto sequestro al campo nomadi Al Karama di borgo Montello. Un vero e proprio incubo per il malcapitato che è riuscito a salvarsi grazie ad un sms inviato in Germania alla sorella.

Alla Questura di Latina, questa notte all’una, è arrivata la segnalazione dall’Interpol, del sequestro in atto di un cittadino tedesco ad opera di alcuni nomadi di etnia rom.

E' stata direttamente la vittima a mettersi in contatto con la sorella spiegando di essere stato sequestrato e minacciato di morte nel caso avesse chiesto aiuto alla polizia o avesse provato a scappare. Alla familiare è riuscito anche ad indicare il luogo in cui si trovava, un campo rom di Latina chiamato Al Karama.

Dalla Questura di Latina è partito un vero e proprio piano d’intervento finalizzato alla liberazione dell’uomo: squadra Mobile, due pattuglie della squadra Volante, nonché le pattuglie dei Commissariati di Cisterna e Terracina e una pattuglia dei carabinieri hanno fatto irruzione alle 3 nel campo rom e, all’interno di un containe,r hanno rintracciato e liberato il sequestrato, T.A. di anni 32, di nazionalità tedesca spaventato, ma in buone condizioni di salute.

Immediatamente sono stati identificati e arrestati i responsabili: Iordache Mirabela, nata in Romania, classe ‘88, Baldovin Tomescu Vialis, classe ‘96 e H.F., nato in Romania, minorenne.

LA RICOSTRUZIONE: nel corso della nottata la polizia è riuscita a ricostruire tutto. La vittima era arrivata venerdì mattina a Latina per raggiungere Mirabela Iordache, che aveva conosciuto in Germania. Ma in pochi minuti il 32enne ha capito di essere caduto in una trappola. Appena si sono incontrati la donna ha iniziato a minacciarlo, constringendolo a consegnarle 500 euro, per estinguere un debito.

Il sabato sera, mentre il 32enne dormiva, gli è stato sottratto il portafoglio nonché le chiavi della macchina, una Chevrolet Orlando, con cui è stato causato anche un gravissimo incidente, scappando poi dal luogo dell’accaduto abbandonando l’auto in mezzo alla strada e lasciando senza soccorsi un malcapitato che si trova ancora in prognosi riservata.

Domenica mattina il 32enne accortosi del furto, ha chiesto spiegazioni in merito e la restituzione del denaro sottrattogli. Ma la donna, con l’aiuto dei complici poi arrestati, per il timore che potesse denunciare quanto accaduto, lo ha rinchiuso in un container, controllandolo a vista e minacciandolo.

Approfittando, però, di un momento di distrazione l’uomo è riuscito a mettersi in contatto con la sorella in Germania per chiedere aiuto.

I tre nomadi sono stati arrestati per sequestro di persona a scopo di estorsione e tradotti in carcere a disposizione dell’Autorità giudiziaria. L’ostaggio, in buone condizioni di salute, è stato messo in contatto con i familiari per tranquillizzarli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

  • Tamponi in farmacia, dove farli a Latina e provincia. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
LatinaToday è in caricamento