Sequestrata l’ex Pozzi Ginori a Borgo Piave, si ipotizzano reati ambientali

L'intervento di polizia e vigili urbani che hanno apposto sigilli all'area dell'ex fabbrica dismessa nella zona di Borgo Piave a Latina. La Procura ipotizza il reato di disastro ambientale; tutto parte dalla mancata bonifica del sito dismesso

Sequestro preventivo del sito dell’ex Pozzi Ginori: ieri mattina, su decisione della Procura di Latina, il blitz di polizia e vigili urbani hanno apposto i sigilli all’area dell’ex fabbrica dismessa nella zona di Borgo Piave a Latina. 

Il provvedimento è stato emesso del Gip del tribunale Giuseppe Cairo; si ipotizza il reato di disastro ambientale, al momento contro ignoti. 

Tutto nasce dalla mancata bonifica dell’area; un intervento che nel corso degli ultimi 13 anni è stato avviato ma poi di fatto sospeso e mai completato. 

Ieri il blitz delle forze dell’ordine nel sito alle porte di Latina che hanno dovuto sgomberare l’area. Negli ultimi anni, infatti, l’ex Pozzi Ginori p divenuto rifugio di senzatetto e disperati. 

Nel giugno scorso, militari del Nipaf del Comando Provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Latina avevano sequestrato un’area del sito dismesso dove erano stati rinvenuti cinque cumuli di 150 m³ ciascuno di rifiuti non pericolosi. Denunciato all’epoca anche l’amministratore unico della società proprietaria per gestione illecita dei predetti rifiuti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus, altri 209 contagi e tre morti in provincia. Boom di casi a Terracina

Torna su
LatinaToday è in caricamento