rotate-mobile
Cronaca Latina Lido

Sequestrati i pontili a Rio Martino, agenti del Nipaf in azione

Accuse di occupazione abusiva di suolo demaniale e del demanio marittimo: la concessione alla Geport per l'occupazione delle sponde del canale e del relativo specchio d'acqua era scaduta a dicembre

E’ stato eseguito questa mattina dagli agenti del Nipaf di Latina, Corpo forestale dello Stato, il sequestro dei pontili a Rio Martino. Alla Geport, la società che gestisce le darsene, infatti, non era stata prorogata la concessione.

Si tratta di un provvedimento d’urgenza emesso dal sostituto procuratore Gregorio Capasso, titolare dell’indagine sulle presunte irregolarità dei pontili. Si procede in Procura con le accuse di occupazione abusiva di suolo demaniale e del demanio marittimo.

La società avrebbe operato in maniera abusiva, visto che la concessione per l’occupazione delle sponde del canale e del relativo specchio d’acqua era scaduta a dicembre, senza essere rinnovata.

Anche su fronte amministrativo si era lavorato per sollecitare lo sgombero. Il Comune, infatti, aveva diffidato la Geport a sgomberare, vista la scadenza di un anno fa della concessione demaniale.

Per la società è scaduta anche la concessione temporanea, che permetteva di gestire i posti barca fino a quando l’avanzamento del progetto del porto canale lo avrebbe consentito. Gli ormeggi, infatti, non sono compatibili con la riqualificazione prevista dal progetto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrati i pontili a Rio Martino, agenti del Nipaf in azione

LatinaToday è in caricamento