Albergo sequestrato a Terracina: i rifiuti scaricati rinvenuti in un terreno a Monte San Biagio

L'operazione della locale Stazione Carabinieri Forestale: i rifiuti speciali non pericolosi rinvenuti in zona Valle Marina. Gli accertamenti avviati dopo il sequestro della struttura alberghiera per violazioni sismiche ed urbanistiche

L'albergo sequestrato a Terracina

Sono andate avanti le indagini dopo il sequestro della struttura alberghiera a Terracina dello scorso 8 marzo per violazioni sismiche ed urbanistiche. 

Nei giorni scorsi, infatti gli uomini della locale Stazione Carabinieri Forestale, diretti dal Luogotenente Giuseppe Pannone, in un terreno a Monte San Biagio, zona Valle Marina, hanno rintracciato parte dei rifiuti speciali non pericolosi, consistenti in terre, rocce da scavo e materiale di demolizione, provenienti dal complesso alberghiero.

I militari, infatti, dopo le verifiche dei titoli edilizi riscontrati non idonei per la ristrutturazione del complesso alberghiero, erano passati alla verifica della documentazione attestante lo smaltimento dei materiali demoliti, riscontrando anomalie e scarsa documentazione.

Attivate le investigazioni del caso, sono arrivati a rintracciare circa 200 mc. di rifiuti scaricati direttamente sul terreno, i quali venivano posti sotto sequestro giudiziario. Denunciato all’Autorità giudiziaria il conduttore del fondo, nonché legale rappresentate dell’impresa appaltante i lavori del complesso alberghiero, per violazione al D.lgs 152/2006 per gestione illecita di rifiuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus, contagi in risalita: 180 casi e ancora quattro decessi in provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento