rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

Marcato del falso online, scoperta a Latina una stamperia di marchi contraffatti

E' il risultato di un'operazione del comando provinciale della Guardia di Finanza di Latina. Sequestrati 2.500 capi contraffatti

Una stamperia dove venivano confezionati articoli falsi, capi d'abbigliamento e calzature di noti marchi commerciali. E' quanto ha scoperto il comando provinciale della Guardia di finanza nel capoluogo pontino. In particolare, all'interno di  un'abitazione e di un deposito sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro due macchinari utilizzati per contraffare circa 2500 capi d’abbigliamento e accessori (recanti marchi quali Nike, Adidas, Gucci, Hogan, Prada, Louis Vuitton, Burberry e altri), oltre a dispositivi di telefonia mobile, tablet e pc usati per la vendita online dei prodotti.

L’indagine, durata circa un anno, è il risultato del continuo controllo economico del territorio, compreso il web, operato dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Latina attraverso attività info-investigativa e monitoraggio dei siti internet e dei canali di vendita tramite social network.

Gli elementi acquisiti nel corso delle investigazioni per risalire la “filiera del falso” e individuare gli autori hanno evidenziato un vero e proprio mercato del falso online, alimentato dai quattro indagati residenti nella provincia di Roma e Latina, dediti, a vario titolo, alla contraffazione e alla vendita tramite internet di articoli “taroccati” e che ha permesso di individuare circa quaranta acquirenti. Il servizio rientra nell'azione del comando provinciale della Guardia di Finanza di Latina a contrasto della contraffazione, dell'abusivismo commerciale e della circolazione di prodotti insicuri, per impedire la messa in vendita di oggetti pericolosi per la salute o non conformi agli standard di sicurezza nazionali ed europei.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marcato del falso online, scoperta a Latina una stamperia di marchi contraffatti

LatinaToday è in caricamento