menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arresti per gli attentati a Sermoneta, il sindaco Giovannoli: "La legalità è il cardine della nostra attività"

Oggi, 26 settembre, gli arresti dei responsabili degli incendi alle auto del primo cittadino e del suo vice avvenuti nei mesi scorsi. Le dichiarazioni di Giuseppina Giovannoli

"A giudicare ci penserà la magistratura: piena fiducia nel loro operato. Io non posso che esprimere la mia soddisfazione per l’attività investigativa svolta egregiamente dalla Procura di Latina e dai carabinieri e conclusa in pochi mesi. Io, l’amministrazione e l’intera comunità meritavamo risposte su episodi vili e preoccupanti per una città come la nostra, che si è sempre distinta per accoglienza, solidarietà e rispetto del prossimo". Così il sindaco di Sermoneta Giuseppina Giovannoli commenta l'operazione condotta dai carabinieri della stazione locale e del reparto territoriale di Aprilia, che ha portato all'arresto di quattro persone ritenute responsabili dei tre attentati incendiari consumati a febbraio e a maggio scorsi. Un colpo durissimo inferto all'amministrazione comunale del paese, in un crescendo di violenza e ritorsioni. 

Attentati incendiari contro sindaco e vice sindaco di Sermoneta: quattro arresti tra mandante ed esecutori

"Questa mattina - ha dichiarato il primo cittadino di Sermoneta - appresa la notizia, ho telefonato al comandante del Reparto territoriale di Aprilia colonnello Riccardo Barbera e della stazione di Sermoneta maresciallo Antonio Vicidomini per complimentarmi, a nome mio personale e dell’intera amministrazione comunale, per la brillante conclusione delle indagini sugli attentati incendiari che hanno riguardato la mia auto e quelle del vicesindaco Maria Marcelli. Aver fatto chiarezza su questa vicenda è stato importante, perché a essere minacciata non ero solo io o la vice sindaco, ma tutta la comunità".

"Quanto accaduto - ha aggiunto - ha scosso me, Maria Marcelli e le nostre famiglie, ma non abbiamo mai abbassato la testa: la legalità e il rispetto delle regole sono stati e restano il cardine della nostra attività amministrativa e sono orgogliosa del fatto che questo sia emerso anche dalle indagini. Andiamo avanti a testa alta con ancora più convinzione ed entusiasmo, insieme a tutti i miei consiglieri, nell’interesse esclusivo del bene comune, non di pochi ma di tutti".

Incendiata l'auto del sindaco di Sermoneta

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    La tradizione in tavola: la Carbonara

  • Cucina

    La tradizione in tavola: la pastiera napoletana

Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento