Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca Sermoneta

Incendi alle auto di sindaco e vice sindaco di Sermoneta, slitta la prima udienza

Gentile, considerato il mandante, ha chiesto di nuovo il rito abbreviato condizionato. Manca la relazione tecnica, si torna in aula a ottobre

Si è conclusa con un rinvio per acquisire la relazione tecnica del consulente del Tribunale la prima udienza del processo a carico di due delle tre persone chiamate a rispondere di incendio e violenza o minaccia ad un corpo politico o amministrativo in riferimento agli attentati incendiari ai danni delle auto del sindaco di Sermoneta Giuseppina Giovannoli e del suo vice Maria Marcelli.

Davanti al giudice monocratico del Tribunale di Latina erano chiamati a comparire Giovanni Bernardi, ritenuto uno degli esecutori materiali, e Giuseppe Gentile, responsabile della Pro Looco di Sermoneta e considerato il mandante. Quest’ultimo, assistito dall’avocato Luca Giudetti, aveva chiesto in sede di udienza preliminare di essere giudicato con il rito abbreviato condizionato, richiesta però rigettata e reiterata nell’udienza odierna. Così il processo a suo carico è stato rinviato a 20 ottobre mentre quello a carico di Bernardi, difeso dall’avvocato Adriana Anzeloni, è stato aggiornato al 15 ottobre per acquisire la relazione tecnica sui roghi. Nel processo si sono costituiti parte civile il primo cittadino, rappresentato dall’avvocato Alessandro Mariani, e il Comune di Sermoneta con l’avvocato Massimiliano Loi.

Per quanto riguarda invece Emanuel Poli, ha scelto il rito abbreviato ed è stato condannato a quattro anni di carcere.

I tre erano finiti in carcere il 26 settembre 2020 a conclusione di una indagine condotta dai carabinieri su tre atti intimidatori nei confronti della Giovannoli e della Marcelli delle quali Gentile voleva vendicarsi spaventandole con gesti intimidatori per costringerle a dimettersi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi alle auto di sindaco e vice sindaco di Sermoneta, slitta la prima udienza

LatinaToday è in caricamento