menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Intimidazione al sindaco di Sermoneta Giovannoli: i messaggi di solidarietà della politica

A fuoco l'auto del primo cittadino e quella del fratello. Il presidente Medici: "Gesto grave ai danni di una straordinaria donna delle istituzioni"

Arrivano i messaggi di solidarietà al sindaco di Sermoneta Giuseppina Giovannoli, per l'intimidazione di cui è stata vittima. La sua auto e quella di un suo familiare sono state infatti incendiate nella notte. Un episodio inquietante su cui sono in corso le indagini dei carabinieri.Le informazioni finora raccolte fanno pensare a una pista dolosa. 

Il presidente della Provincia Carlo Medici

Un primo messaggio arriva dal presidente della Provincia Carlo Medici: "Si tratta di un gesto grave ai danni di una straordinaria donna delle Istituzioni della quale conosciamo il grande impegno, svolto con serietà e competenza. Spero che sia fatta, nel più breve tempo possibile dalle forze dell'ordine, piena luce su un episodio grave in sé e ancor più perché consumato ai danni di un amministratore locale quotidianamente impegnato nella difficile cura degli interessi di una intera comunità''.

Il sindaco di latina Coletta

"Quest'oggi la sindaca di Sermoneta Pina Giovannoli è stata vittima di un grave atto intimidatorio . A lei va la mia personale solidarietà e quella di tutta la comunità che raporesento" ha dichiarato attravreso il suo profilo Twitter il sindaco di Latina Damiano Coletta.

Il sindaco di Roccagorga Nancy Piccaro

“Desidero esprimere i miei sentimenti di solidarietà e vicinanza al sindaco di Sermoneta Giuseppina Giovannoli e alla sua famiglia per il vile atto di cui sono stati vittime - dichiara anche il sindaco di Roccagorga Nancy Piccaro - Conosco e apprezzo la grande passione e determinazione con cui Pina affronta quotidianamente il difficile e al contempo lusinghiero compito di guidare la sua comunità e sono certa che questo episodio, su cui auspico sia fatta al più presto chiarezza, non andrà minimamente a scalfire la sua abnegazione e il suo impegno al servizio delle istituzioni”.     

Il gruppo consiliare di Lbc                         

"Siamo molto dispiaciuti per quanto accaduto alla sindaca di Sermoneta e alla sua famiglia - scrive in una nota il gruppo consiliare di Lbc - A loro vanno tutto il nostro sostegno e la nostra solidarietà. A prescindere da quali siano le ragioni del gesto che li ha colpiti la notte scorsa, comunque ingiustificabile e che condanniamo fermamente, conosciamo le responsabilità ed anche i rischi nei quali possono incorrere amministratori cittadini nella loro azione di governo del territorio: fin troppo spesso si è esposti nel compiere il proprio dovere e nel mettersi al servizio della comunità. Il grave episodio ferisce ancor di più oggi, giornata che dovrebbe essere completamente dedicata alla memoria di due personaggi storici, entrambi vittime di attentati e che con la loro vita hanno dato l'esempio all'Italia e al mondo: Aldo Moro e Peppino Impastato, ai cui monumenti oggi il sindaco Damiano Coletta ha portato il proprio omaggio a nome della cittadinanza.

Il consigliere regionale Simeone

"Intendo esprimere la mia piena solidarietà e totale vicinanza al sindaco di Sermoneta e alla sua famiglia per il gesto vile e intimidatorio di cui sono stati vittime . commenta anche il consigliere regionale di FI Giuseppe Simeone - Spiace soprattutto perchè ad essere colpita è una persona stimata per correttezza, laboriosità e impegno a favore del suo Comune. Siamo davanti ad un atto ignobile e da condannare doppiamente dal momento che è avvenuto peraltro in una situazione particolare per il nostro Paese e che vede le amministrazioni locali fortemente impegnate nel fronteggiare l'emergenza sanitaria da Covid 19. A Giuseppina Giovannoli mi lega la mia personale stima essendosi da sempre spesa con onestà, trasparenza e correttezza per la sua comunità e desidero quindi inviarle un forte incoraggiamento ad andare avanti. Mi auguro si tratti di un’azione isolata, e che i responsabili siano al più presto individuati e assicurati alla giustizia. A Giuseppina e alla sua famiglia va il mio affetto e la mia totale vicinanza in questo difficile momento".

Il senatore Calandrini

"Esprimo tutta la mia solidarietà e vicinanza al sindaco di Sermoneta Pina Giovannoli vittima di un grave atto intimidatorio che non ha risparmiato neanche membri della sua famiglia - ha detto il senatore di Fratelli d'Italia Nicola Calandrini - . Voglio sperare che quanto avvenuto questa notte resti un fatto isolato e che le forze dell'ordine risalgano in breve tempo ai responsabili. Il sindaco Giovannoli è una persona seria e stimata. Sono certo che non si farà intimorire e che anzi continuerà la sua azione amministrativa con ancora maggiore vigore".

L'eurodeputato della Lega Adinolfi

"Voglio esprimere tutta la mia vicinanza e solidarietà al sindaco di Sermoneta, Pina Giovannoli, per il grave atto intimidatorio che questa notte ha colpito lei e i suoi familiari - ha dichiarato l'eurodeputato della Lega di Latina, Matteo Adinolfi. Un gesto vile di cui spero vengano presto individuati i responsabili. Al tempo stesso la politica, a qualsiasi schieramento essa appartenga, non può e non deve lasciarsi condizionare da questi vili gesti intimidatori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento