rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca Sermoneta

Maltrattamenti e abuso dei mezzi di correzione in classe: "Condannate le maestre"

La richiesta dell'accusa nel processo a due insegnanti dell'asilo "Donna Caetani" di Pontenuovo a Sermoneta accusate di insulti, minacce e botte ai bambini

Rush finale per il processo alle due educatrici dell'asilo "Donna Caetani di Pontenuovo a Sermoneta finite al centro di un'indagine per i comportamenti adottati nei confronti dei loro alunni, i bambini di una classe di età compresa tra i 3 e i 5 anni. Nella penultima udienza davanti al giudice monocratico del Tribunale di Latina Simona Sergio il pubblico ministero ha chiesto una condanna a 2 anni di reclusione per  Alberta Tullio, 66 anni, chiamata a rispondere di maltrattamenti, e tre mesi per Fortunata D’Anna di 42, che è accusata di abuso dei mezzi di correzione.

I fatti oggetto del procedimento risalgono al 2016 quando alcuni bambini hanno iniziato ad avere comportamenti inusuali a casa e non volevano più andare a scuola. I genitori si sono insospettiti e hanno deciso di presentare una denuncia ai carabinieri ed è così venuta fuori una situazione inattesa.  Le due maestre  minacciavano gli alunni e li colpivano con schiaffi, spintoni e tirate d'orecchie sottoponendoli a umiliazioni e violenze fisiche di ogni genere. "Siete deficienti", "Ti spacco la capoccia", "Sei stupido" sono alcune delle frasi con le quali la Tullio si rivolgeva ai bambini che avrebbe anche percosso con schiaffi, sculacciate, tirate di orecchie e di capelli. La D’Anna invece avrebbe afferrato alcuni bambini per le braccia trascinandoli, ne avrebbe punito uno con una matita e ne avrebbe colpito un altro alla testa con una cartellina.

I maltrattamenti sono stati immortalati per un mese e mezzo dalle telecamere installate dai carabinieri al'interno dell'aula delle insegnanti e le denunce hanno trovato conferma. 

Alle richieste di condanna si sono associati gli avvocati  Maria Belli, Valentina Macor, Fabrizio Cappio e Carmela Massaro.che rappresentano i 25 geneitori che nel processo si sono costituiti parte civile. Si torna in aula il 25 giugno per gli interventi della difesa prima che il giudice si ritiri in camera di consiglio per la sentenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltrattamenti e abuso dei mezzi di correzione in classe: "Condannate le maestre"

LatinaToday è in caricamento