Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Centro / Piazza del Popolo

Sfratti, protesta sotto il Comune: la risposta dell’amministrazione

Con le tende si sono accampati davanti l’Ente di piazza del Popolo per riaccendere l’attenzione sul problema dell’emergenza abitativa

Si sono accampati con delle tende davanti il palazzo del Comune di piazza del Popolo. È iniziato così il sit in di protesta dei cittadini con problemi abitativi appoggiati anche da alcune associazioni pontine.

Chiedono di riportare l’attenzione sui loro casi e al sindaco di Latina, Giovanni Di Giorgi, di ascoltarli.

Intanto proprio per parlare del problema degli sfratti, domani mattina alle 9 torneranno nel capoluogo pontino le telecamere della trasmissione televisiva Mattino 5.

Ma, di fronte alla protesta delle famiglie di Latina sfrattate, non si è fatta attendere la risposta proprio dell’amministrazione di Latina che ha ricordato i servizi messi a disposizione dal Comune nei confronti delle persone con problemi abitativi.

“In particolare - si legge in una nota dell’Ente di piazza del Popolo -, il Comune di Latina, primo in provincia e uno tra i pochi in Italia, da mesi ha attivato un apposito fondo per sostenere cittadini e famiglie in particolare stato di bisogno rispetto alla situazione abitativa. Nello specifico, la Giunta Municipale, con delibera n.625 del 14/12/2012, ha istituito per il 2013 un fondo di 96mila euro finalizzato alla prevenzione dell’esecutività dei provvedimenti di sfratto per morosità nei confronti di persone in temporanea difficoltà economica, determinata dalla perdita o dalla diminuzione della loro capacità reddituale. Tali contributi straordinari, erogati direttamente al proprietario, sono concessi in presenza di un procedimento di intimazione di sfratto per morosità per il quale non sia ancora intervenuto il provvedimento di convalida, ovvero quello per cui è intervenuta la convalida ma non c’è ancora stata l’esecuzione”.

“Possono essere erogati  - continua l’amministrazione - fino ad un massimo di 6mila euro per ogni caso e ad oggi il Comune di Latina ha erogato 25mila euro procedendo anche alle trattative con i proprietari delle abitazioni, versando loro quanto dovuto e facendoli impegnare per la concessione di un altro anno di locazione, dando così un minimo di sicurezza alle famiglie assistite”.

La domanda per accedere all’intervento, ricorda il Comune, deve essere compilata attraverso l’apposito modello disponibile presso il Servizio Segretariato Sociale del Comune di Latina o scaricabile dal sito internet del Comune di Latina www.comune.latina.it. Le domande saranno esaminate in ordine di arrivo e potranno essere inoltrate non oltre il 30/06/2013.

“Ringrazio il sindaco e la giunta comunale per la sensibilità dimostrata - dichiara l’Assessore comunale ai Servizi Sociali Patrizia Fanti –. Ricordo, infatti, che i 96mila euro messi a disposizione sono interamente soldi delle casse comunali e non della Regione. Con la nostra iniziativa intendiamo prevenire, fin dove possibile, l’esecutività degli sfratti per morosità arginando l’aumento del numero di famiglie, spesso con minori a carico, che oltre al problema concreto della sopravvivenza, avrebbero anche quello dell’alloggio considerato l’esiguo numero degli alloggi popolari disponibili e l’alto numero degli aventi diritto. Il Servizio Segretariato Sociale del Comune di Latina è a disposizione per seguire le situazioni che, nell’ambito dei requisiti previsti, possono essere meritevoli di assistenza”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfratti, protesta sotto il Comune: la risposta dell’amministrazione

LatinaToday è in caricamento