Stalle abusive dei Di Silvio sui terreni comunali: sgombero e abbattimento

L'operazione coordinata dalla polizia è scattata questa mattina presto: sul posto anche Forestale, Asl, vigili del fuoco e Comune di Latina. Le struttura adibite a ricovero per cavalli realizzate su terreni comunali, occupati e recintati

Via le stalle abusive, riconducibili alla famiglia dei Di Silvio, realizzate su terreni comunali a Latina. 

Come fanno sapere dalla Questura, sono iniziate questa mattina presto le operazioni di “sgombero e abbattimento di alcune strutture abusive adibite a ricovero per cavalli riconducibili alla nota famiglia di rom stanziali Di Silvio”. 

I terreni su cui sono state approntate delle fatiscenti strutture per il ricovero degli equini, sono di proprietà dell’amministrazione comunale, “occupati e recintati, in spregio delle regole e della normativa vigente”.

L'operazione ha interessato in particolari i terreni nelle zone di via via Copenaghen e via Gran Sasso D’Italia.

Le attività sono coordinate dalla Polizia di Stato – Questura di Latina, con la collaborazione di personale qualificato del Corpo Forestale dello Stato, dell’Azienda Sanitaria Locale - Servizio Veterinario, dei Vigili del Fuoco e del Comune di Latina.

sgombero_stalle_di_silvio_1

AGGIORNAMENTI: Trovati all'interno delle fatiscenti stalle animali custoditi in pessime condizioni igeinico sanitarie. Sequestrati 9 cavalli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento