Sicurezza per la stagione estiva, vertice in Prefettura: più controlli e vigilanza

Riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica: attenzione puntata sulla sicurezza sulle strade e in mare; sott'occhio anche la movida notturna. Allerta per il fenomeno degli incendi boschivi e contrasto al commercio abusivo

Con l’arrivo della bella stagione, si è tenuta ieri mattina in Prefettura una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto, Pierluigi Faloni, per la “la pianificazione delle misure di vigilanza e sicurezza per la stagione estiva 2016 e che riguardano sia i dispositivi di vigilanza e controllo del territorio di carattere generale, sia misure mirate a prevenire alcuni fenomeni che possono presentarsi in tale periodo”. 

Al tavolo hanno preso parte, il Comandante Regionale dell’Arma dei Carabinieri, il Comandante del Compartimento Lazio della Polizia Stradale,  il Sindaco di Latina, il Vice Questore Vicario, i Comandanti Provinciali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale,  della Polizia Stradale, dei Vigili del Fuoco, della Capitaneria di Porto, nonché gli amministratori dei Comuni di Gaeta, Formia, Fondi, Minturno, San Felice Circeo, Sperlonga e Ventotene. Presenti anche il Direttore Generale dell’ASL,  il Direttore dell’Agenzia  Regionale della Protezione Civile, il rappresentante dell’ASTRAL e il  rappresentante del Compartimento ANAS di Roma.

In particolare, il Prefetto ha disposto l’adozione delle seguenti misure:

MISURE DI CARATTERE GENERALE - Rafforzamento dei dispositivi di vigilanza e controllo del territorio e la pianificazione di ulteriori servizi attraverso l’impiego dei rinforzi assegnati per il periodo estivo: 23 unità della Polizia di stato, 15 unità dei Carabinieri, 4 unità della Guardia di Finanza, a cui si aggiungeranno, periodicamente, i Reparti Prevenzione Crimine della Polizia di Stato e della Compagnia Intervento Operativo (CIO)dei Carabinieri. 

SICUREZZA STRADALE E VIABILITA’ -Tolleranza zero per i comportamenti di guida più pericolosi” spiegano dalla Prefettura, come eccesso di velocità, mancato uso del casco e delle cinture di sicurezza, utilizzo di telefoni cellulari,  guida in condizioni psicofisiche non idonee. Saranno intensificati, anche grazie all’aggregazione di personale di rinforzo presso il Distaccamento della Polizia Stradale di Terracina, i servizi sulle principali vie di comunicazione della provincia (Pontina, Flacca, Monti Lepini, Appia, Strada Statale 699) e attuati maggiori controlli sull’idoneità degli automezzi. “Un particolare controllo sarà assicurato nei confronti dei parcheggi irregolari che ostruiscono il transito dei mezzi di soccorso (sanitario e tecnico) ponendo a rischio l’incolumità di cittadini e turisti, degli attraversamenti in prossimità di stabilimenti, luoghi di ritrovo, impianti sportivi, centri commerciali e aree attrezzate”. 

“In caso di criticità di rilievo nella circolazione stradale - proseguono dalla Prefettura -, dovranno essere tempestivamente attivati interventi di assistenza e soccorso alle persone in viaggio, anche mediante l’ausilio delle strutture locali della protezione civile”. Inoltre, da oggi, 1° luglio e fino al 31 agosto, sarà sospesa la circolazione dei veicoli di massa superiore a 7,5 tonnellate sulla Flacca e sull’Appia (tratto Terracina-Formia).

SICUREZZA IN MARE E SULLE SPIAGGE - Saranno predisposti servizi per:
    -    l’incremento dei controlli sui natanti, con particolare riguardo ai comportamenti che possano pregiudicare la tutela della vita umana in mare;
    -    l’incremento dei controlli sugli stabilimenti balneari in concessione;
    -    il rafforzamento della vigilanza lungo gli arenili, anche per prevenire episodi di criminalità predatoria;
    -    il contrasto all’abusivismo commerciale e alla vendita di prodotti contraffatti; 
Nelle spiagge libere dovrà essere predisposta inoltre un’apposita cartellonistica per la balneazione.

CONTRASTO AL FENOMENO DELLE  “STRAGI DEL SABATO SERA” - In previsione dell’aumento dell’afflusso, soprattutto giovanile, ai luoghi di ritrovo e di intrattenimento è stata disposta:
    -    l’attuazione di servizi mirati coordinati nelle aree circostanti e lungo le direttrici di afflusso e deflusso dei frequentatori;
    -    l’effettuazione nei pressi di discoteche, locali di pubblico spettacolo e Pub di servizi specifici per il controllo delle condizioni psico-fisiche dei conducenti, soprattutto giovani, con il coinvolgimento nell’attività di controllo anche degli organismi sanitari (A.S.L., 118);
    -    l’attuazione di servizi per il contrasto allo spaccio degli stupefacenti;
    -    controllo degli orari di apertura e chiusura  dei locali notturni;
In relazione al fenomeno dei “Rave Party”, è stata disposta l’intensificazione dei servizi di prevenzione e contrasto, attraverso il monitoraggio dei luoghi di interesse ( spiagge e luoghi di aggregazione )

ATTIVITÀ DI INTRATTENIMENTO DANZANTE - Disposti anche controlli sul territorio presso discoteche e stabilimenti balneari, con il duplice obiettivo di “verificare l’attività dei locali stessi, con riferimento alla normativa di settore, e di contrastare o prevenire il fenomeno dell’esercizio abusivo dell’attività di intrattenimento e ballo”. In tale contesto specifici controlli verranno effettuati nell’ambito dell’azione di contrasto delle immissioni sonore oltre i limiti di legge.

ABUSIVISMO COMMERCIALE E VENDITA DI PRODOTTI CONTRAFFATTI - Disposto anche il rafforzamento dei dispositivi in corso e massimo raccordo tra l’attività delle forze polizia statali, in particolare della Guardia di Finanza, e delle polizie locali nell’attività di prevenzione e contrasto del fenomeno dell’abusivismo commerciale e della contraffazione, in particolare nelle località turistiche, e l’intensificazione dei controlli amministrativi presso gli esercizi commerciali, i mercati, le spiagge, lungomare ed altri luoghi di massima aggregazione

PREVENZIONE INCENDI BOSCHIVI E DI INTERFACCIA - Per quanto concerne il fenomeno degli incendi boschivi, il Prefetto ha richiamato l’attenzione dei Sindaci intervenuti sul contenuto della nota inviata nei giorni scorsi a tutti i componenti del sistema di protezione civile e prevenzione antincendio,  per l’adozione, ciascuno per gli aspetti di propria competenza,  di specifiche misure di contrasto al fenomeno e in particolare:
    -    aggiornamento Piani Comunali di Protezione Civile;
    -    aggiornamento del "catasto delle aree percorse dal fuoco"; 
    -    verifica delle cosiddette "fida pascolo”;
    -    ordinanze per lo sfalcio della vegetazione sulle aree private e per il divieto di abbruciamento nei periodi di maggiore pericolosità di innesco;
    -    la pulitura dei bordi stradali dalle erbe infestanti;
    -    dotare i territori, soprattutto montani, di vasche di approvvigionamento idrico;
    -    previsione di specifici modelli di intervento che ottimizzino le risorse a disposizione sia nella fase preventiva che in quella del contrasto delle fiamme;
    -    collaborazione attiva  e costante con i reparti investigativi del Corpo Forestale dello Stato nell'attività di segnalazione di ogni situazione di pericolo di innesco, anche mediante l'impiego della Polizia Locale;
    -    attività di avvistamento;
    -    coinvolgimento delle associazioni di volontariato abilitate allo spegnimento degli incendi,  presenti sul territorio;
    -    localizzazione di idonee aree di atterraggio, anche temporanee, degli aeromobili adibiti sia allo spegnimento che al soccorso nelle situazioni di emergenza;
    -    promozione della cultura di protezione civile orientata alla salvaguardia dell'ambiente ed alla tutela della vita umana, l'approntamento di apposite procedure di allertamento e di informazione alla popolazione, anche attraverso l'utilizzo dei mass media e dei dispositivi di informazione di massa presenti su internet, con particolare  riguardo agli impianti turistici e camping.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Tamponi in farmacia, dove farli a Latina e provincia. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento