menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quartieri Q4 e Q5, nuova manifestazione per la sicurezza: corteo e dibattito pubblico

Cittadini e associazioni hanno protestato di nuovo insieme al Movimento dei Poliziotti Democratici e Riformisti che ha illustrato il progetto con il quale viene chiesto per i due quartieri la istituzione di un Commissariato di Polizia

Cittadini e associazioni sono tornati a manifestare per chiedere più sicurezza nei quartieri Q4 e Q5. 

La protesta ieri mattina, sabato 17 dicembre; con loro il Movimento dei Poliziotti Democratici e Riformisti che da tempo sostiene questa iniziativa popolare. Il corteo è partito da viale Pierluigi da Palestrina (davanti alla Parrocchia S. Luca) e, percorrendo via Nicolò Paganini è giunto in Largo Jacopo Peri dove si è tenuto un dibattito pubblico. 

Il tema della sicurezza è stato subito illustrato ai presenti dal sostituto commissario della Polizia di Stato in quiescenza, Claudio Morpurgo, seguito successivamente da Ferdinando Cedrone presidente dell'associazione Quartieri Connessi che ha evidenziato la mancanza di infrastrutture e la carenza di servizi nei quartieri. 

Ha concluso gli interventi il segretario provinciale del Movimento dei Poliziotti Elvio Vulcano, illustrando il progetto condiviso con Elvio Di Cesare, dell’associazione Antimafia Antonino Caponnetto, progetto con il quale viene chiesto per i due quartieri la istituzione di un Commissariato di Polizia con una cinquantina di uomini e donne e la cui competenza riguardi anche la fascia costiera, da Sabaudia ai confini con Nettuno. 

Vulcano ha ribadito che l’attuale richiesta è stata già formalizzata al Capo della Polizia Franco Gabrielli, significando “che passi concreti nel senso della riuscita dell’iniziativa si sono avuti. Al termine della manifestazione”.

“Comprendo il fatto che molti cittadini abbiano perso fiducia nell’istituzioni - ha poi concluso Vulcano -, ma agli stessi, quando subiscono un reato di lieve entità ed omettono di denunciare l’accaduto o quando leggono sulla stampa della carenza di mezzi e di personale che affligge le forze dell’ordine e ci prendono per sognatori in merito alla richiesta, voglio dire che questo Commissariato non serve solo ai cittadini di Latina: esso serve invece a tutti gli Italiani, per ridare loro fiducia in uno Stato che da troppo tempo vive solo di tagli. Bisogna riportare la fiducia nel cuore degli italiani con atti concreti e questo è uno di quelli”.

q4_q5_manifestazione_17_12_16_1-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento