rotate-mobile
Cronaca

Sicurezza sulle strade: presentato dal Vittorio Veneto - Salvemini il progetto per 6 scuole in Italia

Promosso dal Miur con il sostegno dell’atleta paralimpica Giusy Versace; l’obiettivo è promuovere nei giovani l’adozione dei comportamenti necessari per diventare utenti della strada più sicuri e consapevoli e tutelare la propria e altrui salute

E’ stato presentato dall’Istituto Vittorio Veneto Salvemini il progetto “Diamo la precedenza alla sicurezza” sulla prevenzione degli incidenti stradali rivolto alle scuole italiane e promosso dal Ministero dell’Istruzione.

L’iniziativa, realizzata insieme alla Polizia Locale e al Dipartimento di Prevenzione, Polizia Stradale, Associazione Vittime della strada e con il sostegno dell’atleta paralimpica Giusy Versace, coinvolge 6 scuole distribuite su tutto il territorio italiano e decine di studenti in 5 regioni italiane.

L’obiettivo è quello di promuovere nelle nuove generazioni, in ambito scolastico, l’adozione dei comportamenti necessari per diventare utenti della strada più sicuri e consapevoli e tutelare la propria e altrui salute.
Per questo motivo il progetto prevede, oltre a una serie di lezioni di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale, dalle norme di base di Pronto Soccorso alle regole del Nuovo Codice della Strada, con particolare attenzione all'abuso di alcolici e droghe, il coinvolgimento diretto degli studenti, che sono protagonisti veri e propri di questa iniziativa: al termine del percorso formativo, infatti, i ragazzi avranno tempo fino al 15 giugno per realizzare un cortometraggio di massimo 2 minuti sui principali rischi stradali che maggiormente riscontrano nella propria città. La classe del video vincitore riceverà in palio l’intero finanziamento di 10 patenti AM (per un massimo di 500 euro ciascuno); mentre la seconda classe classificata avrà diritto a 5 patenti AM gratuite.

“La tutela della sicurezza propria e degli altri rappresenta un valore indispensabile per tutti - afferma Marina Rossi, preside dell’Istituto Vittorio Veneto Salvemini e referente del progetto -. Tuttavia, affinché le strade siano luoghi sicuri, non basta reprimere i comportamenti sbagliati, rifilando multe a chi infrange la legge: occorre creare una cultura della sicurezza stradale, partendo dal basso, con l’educazione scolastica e trovando dei metodi di comunicazione efficaci che solo tra pari possono essere individuati. Pertanto, i video, che gli studenti realizzeranno, avranno la funzione di implementare la comunicazione su questi temi con l’utilizzo di mezzi a loro noti e gestiti secondo le loro logiche”.

“Questo è un argomento che mi sta molto a cuore perché, dopo l’incidente stradale che ho avuto, mi sono resa conto ancora di più di quanto sia necessario formare una cultura del rispetto e della prudenza attraverso l'educazione stradale, soprattutto tra i giovani - ha dichiarato invece Giusy Versace, atleta paralimpica. Per questo motivo, sono felice di poter supportare questa iniziativa e ringrazio tutti coloro che stanno dando il proprio contributo; insieme possiamo fare la differenza”.

“I dati - viene spiegato in una nota dei presentazione del progetto - ci dicono che gli incidenti stradali costituiscono la prima causa di morte nei giovani tra 15 e 24 anni ed una delle maggiori cause di invalidità. Secondo un’analisi condotta dall’Istat e dalla Polizia di Stato, nel 2021 si sono verificati in Italia 64mila incidenti con una crescita di quasi il 27% dei sinistri totali rispetto al 2020. Dal sondaggio emerge anche che gli incidenti che hanno comportato lesioni fisiche alle persone coinvolte sono aumentati del +26% e gli incidenti mortali del +15,5% rispetto all’anno scorso”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza sulle strade: presentato dal Vittorio Veneto - Salvemini il progetto per 6 scuole in Italia

LatinaToday è in caricamento